LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Vincenzo Corsaro
Bambini

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Rivoglio il mio mondo,

quello che guardavo con occhi di bambino,

dove tutto era puro e innocente.

Dove era bello ascoltare i grilli nei prati,

in essi correre spensierati

incontro al sole o dietro una farfalla,

veder schiudere un fiore ai raggi del sole.

 

Ascoltare incantati i racconti del nonno

mentre fumava la pipa davanti al fuoco del camino;

stupirsi sempre dell'apparire di una caramella

nella mano del babbo al ritorno dal lavoro.

 

Un mondo dove cattiveria e malvagità erano sconosciute

e la vita scorreva lenta e serena,

vedere sempre un sorriso nel volto delle persone

e una carezza aveva il calore umano

e non le bieche intenzioni del mondo d'oggi

dove la vita veste i bambini di stracci,

li spoglia della loro innocenza,

bagna di sangue le loro mani

fa loro conoscere il fuoco delle bombe,

il morso dei proiettili e della fame,

li trasforma in cavalieri di morte e schiavi.

 

Bambini che mai lo sono stati,

bambini nati già morti,

sacrificati sull'altare di ideali distorti,

bambini rubati e trattati come merce,

bambini a cui nessuno tende una mano

per sollevarli dalla loro condizione di oggetti e mezzi,

eppure basterebbe un semplice gesto o una parola dettata dal cuore,

perché ogni bambino è anche nostro...

 Vincenzo Corsaro - 15/04/2021 15:24:00 [ leggi altri commenti di Vincenzo Corsaro » ]

In giro c’è odore di rovina e di cambiamento che pervade ogni cosa, forse vedremo la fine di un’epoca e nelle tempeste dell’esistenza le antiche pene crocifiggeranno di nuovo il cuore degli uomini se l’umanità non cambia modo di "vedere" e "sentire". Grazie per il commento e un caro saluto a te Grazia.

 Graced - 14/04/2021 19:13:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Purtroppo il mondo è cambiato, è lontano anni luce di quando noi eravamo bambini e, tutto girava attorno a coloro con cui interagivamo. Anche l’educazione per noi bambini era diversa, innanzi tutto i genitori c’insegnavano l’amore ed il rispetto verso gli altri. Oggi sembra un mondo d lupi che si azzannano uno contro l’altro. Sembra che odio, cattiveria prevalgono su tutto. Un’aura malefica ha tolto a noi la serenità, ma anche ai nostri figli e nipoti che si trovano disorientati in mezzo a questa cacofonia di voci alterate che, porta distonie, che, sicuramente, avranno uno strascico negativo nel divenire dei nostri giovani. Un caro saluto Vincenzo, Grazia.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.