LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Laura Turra
Pi�� azzurro

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

La domanda
si fa più vera all’alba
– o forse appena prima della notte –
 
cercare (o trovare?) un destino alla vita
trattarne il prezzo
per poi accorgerti che ciò che aspettavi
l’hai avuto senza debito
– la dispiegata bellezza delle cose –
 
Se fosse per me
aggiungerei più azzurro.

 

 Laura Turra - 04/07/2018 04:38:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie a te Rosa, per avermi dato la tua attenzione. Abbracci.

 Rosa Maria Cantatore - 03/07/2018 23:44:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

cercare il senso dell’esistenza , forse, averlo gi trovato.
Come sempre, scrivi con semplicit cose profondissime.
Grazie.

 Laura Turra - 03/07/2018 22:39:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Preziose considerazioni, Alberto. Ti ringrazio della lettura.
Un abbraccio

 Alberto Becca - 03/07/2018 21:46:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Come noto il confine fra poesia, meditazione, illuminazione, idea e riflessione cosi’ labile che non delimitabile... si vive spesso senza farsi domande oppure chiedendosi cose inutili; se fosse per me bisognerebbe rendere "obbligatorie" fin dalla piu’ tenera et alcune domande, bisognerebbe che nella scuola dell’ obbligo si insegnasse la vitale importanza di certe domande, senza "vendere" risposte illusorie. Fosse per me renderei obbligatorio ascoltare certe fughe di Bach o certi brani di Mozart; in ogni caso, nel grigiore generale (dovuto sia all’ inquinamento atmosferico sia all’ inquinamento, ben piu’ grave, delle anime)piu’ "azzurro" sarebbe assai auspicabile, darebbe benefici a tutti

 Laura Turra - 03/07/2018 15:16:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie Gil, sei troppo buono con me... ti abbraccio, sempre.

 Gil - 03/07/2018 14:48:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Laura, se mi venisse concessa la licenza di una pubblica confessione, allora potrei francamente dirti in libera ammissione: tu, Laura, sei per noi quel pi di azzurro che rende pi bello il mondo.
Se solo io potessi dirlo...

 Laura Turra - 03/07/2018 14:41:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Salvatore, sempre acuti i tuoi commenti. Ti ringrazio tantissimo per la tua attenzione. Un abbraccio

 Salvatore Pizzo - 03/07/2018 14:33:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

All’inizio o alla fine? Chiss quando la"domanda si fa pi vera", quindi pi sentita e sofferta. E’certo che, ognuno, ha la propria stagione per porsela e per prenderne consapevolezza, anche in tutte le possibili risposte. Ma ancor pi bella la tua chiusa, con quel desiderare "pi azzurro", che assurge emblamaticamente ad espressione di una soggettivit dirimente...
E’in cose cos che ci si riflettono infinite esistenze...
Un saluto sempre caro...

 Laura Turra - 03/07/2018 14:22:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

E grazie anche a te, Jacob. Per quanto riguarda l’azzurro, tu magari da l ne vedi di pi. Un caro saluto

 Laura Turra - 03/07/2018 13:51:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Gil, faccio una pubblica confessione: ormai aspetto con trepidazione i tuoi commenti che mi restituiscono moltiplicato il piacere che possono dare, forse, chiss, i miei versi.
Sottolineo di questo commento, tutto bellissimo, una parola che mi sta molto a cuore: libert, proprio cos come hai saputo scriverne tu. Che amore sarebbe se non fosse dato liberamente? Grazie, davvero, caro Gil. Ricambio con tutto il cuore l’abbraccio.

 Jacob l. - 03/07/2018 13:37:00 [ leggi altri commenti di Jacob l. » ]

Interessante discorso sulla domanda che ci rivolgiamo tutti.
Poi ciascuno si da una risposta. Qualcuno la "dispiegata bellezza delle cose" manco la vede, o se la vede non ha n il tempo n la voglia di soffermarvisi.
Anch’io per vorrei pi azzurro.

 Gil - 03/07/2018 13:29:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Dal centro della tua anima sgorgano parole cos belle, che sempre se ne trae un piacere alla lettura, pi spesso voli d’anima; spesso una poesia che porta in s i frutti di un’interiorit che si immersa nella meditazione spirituale, che cerca e anela a quell’Assoluto Spirituale, di cui la Bellezza ne per noi l’esperienza immediata ovvero lo stupore estatico. Per questo sempre i tuoi versi sono pregni di luce, anche quando a volte vengono adombrati dalle oscurit che possono in alcuni momenti avvolgere le nostre anime. Ora in questa tua, non poesiola ma poesia magari in tono minore ci hai abituati ad altezze di vertigini dispieghi tre momenti fondanti il sentimento poetico della riflessione:
la ricerca della verit, con La domanda/si fa pi vera allalba/- o forse appena prima della notte , ricerca qui rimarcata dal quel prima e quel dopo il buio notturno, metafora di unoscurit negativa che confonde oppure di una notte oscura ancora solo radicalmente umana; la gratuit epifanica di ci che siamo e di ci che, dal mondo fuori di noi, riceviamo, con cercare (o trovare?) un destino alla vita/trattarne il prezzo/per poi accorgerti che ci che aspettavi/lhai avuto senza debito/- la dispiegata bellezza delle cose (in filigrana vi potremmo rileggere il ritorno a casa del figliol prodigo, incredulo dellamore del Padre, quindi pronto a pagarne il prezzo pur di ricevere una riammissione, di fatto svilendo e non comprendendo il cuore amante di un Padre, che solo gratuitamente si d e d Chiedo scusa per questa digressione inessenziale al commento). Infine il punto forte: il riconoscimento della propria libert con lassunzione sia della responsabilit che ne consegue sia con la partecipazione attiva nella ricezione di tutta quella gratuit: Se fosse per me/aggiungerei pi azzurro.; perch lAmore, anche quello di un Dio, non vuole schiavi, ma liberi; lamore vuole sempre la libert dellaltro, anche fino al sacrifico di riceverne in contraccambio la propria negazione, il rifiuto radicale (dellamore stesso).

Ti abbraccio forte

 Laura Turra - 03/07/2018 10:53:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Ti ringrazio, Franca, saluti a te e alla bella Gaeta (che purtroppo non ho mai visitato). A presto

 Franca Colozzo - 03/07/2018 10:31:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

La vera essenza della vita la trovi forse nell’alba, al nascere dei sogni e nell’incanto di un azzurro che anticipazione del giorno. Spesso anch’io mi soffermo a rimirare l’alba con il sole che si leva dal mare e che irradia la catena montuosa degli Aurunci, che fanno da scudo al Golfo di Gaeta. I monti si rivestono di rosa, cos come i sogni e le illusioni della vita. Bisogna sempre coltivare i sogni dentro di noi e saper cogliere l’intima bellezza del creato.
Un solare saluto e un buon proseguimento di giornata.

 Laura Turra - 03/07/2018 08:38:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie Giovanni, per aver letto questo mio piccolo pensiero mattutino. Sar poesia? Non so, ma tant’. E comunque, qui in citt si vede troppo poco cielo :-)
Un saluto

 Giovanni Rossato - 03/07/2018 08:03:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Si, ci che aspettavamo l’bbiamo avuto senza debito, eppoi dai, che l’azzurro va bene cos.
Ciao

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.