LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Vincent Darlovsky
La (Manu)Ela I

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Era scarna, ossuta e mora. Alta 1 metro e 65 circa e col viso spigoloso. Le labbra erano sottili. Aveva l'attaccatura dei capelli bassa sulla fronte, il profilo aquilino e gli occhi scuri.

Eravamo stati insieme ai tempi dell’Università.

Ci siamo ritrovati dopo una decina d'anni durante una riunione di preparazione degli Esami di Stato in un Liceo Pedagogico.

Io ero stato nominato Commissario interno di Italiano e Storia e lei Commissario Esterno di Filosofia. Era giugno e faceva caldo.

Appena l'ho vista, l’ho riconosciuta e ci siamo salutati. Poi il Presidente di Commissione ha dato inizio ai lavori. Ci siamo seduti. Io mi sono messo dietro di lei. Ero leggermente spostato a sinistra. In questo modo me la sono potuta guardare di profilo durante l’assemblea.

Indossava una camicia bianca sotto una giacchetta scura. Entrambe aderenti. I pantaloni erano neri e stretti alla vita e lungo il bacino fino a mezza coscia, poi si allargavano fino alla caviglia. Questa era rimasta scoperta perché la collega aveva accavallato le gambe e non aveva messo i calzini. Ha dondolato il piede nella scarpa col tacco per tutta la durata della plenaria. Alla fine si è alzata, si è girata verso di me e mi ha detto:

-ciao ciao, Roby-.

La mattina dopo, prima di entrare a scuola, ho preso un caffè al bar di fronte e poi sono uscito. Mentre attraversavo la strada, ho visto la Ela sbucare dal supermercato lì davanti. Stava portando in macchina due confezioni di acqua.

Ho pensato che fosse sudata e che, se mi fossi avvicinato con una scusa, avrei potuto sentire l’odore delle sue ascelle. Allora mi sono fatto avanti, ho preso le bottiglie d'acqua e gliel’ho portate nella Fiesta. Mi ha guardato sorpresa, poi ha sorriso e mi ha detto grazie. Dopo siamo entrati a scuola e i Commissari ci siamo divisi i compiti.

Io e la Ela dovevamo controllare se le ricevute di pagamento dei candidati c’erano tutte. Ci siamo seduti vicini come compagni di banco. In dieci minuti mi ha urtato due volte con la mano sul braccio. Quando mi toccava di striscio, mi sentivo le formiche allo stomaco. Poi mi ha dato una botterella sul fianco. Ho pensato che lo facesse apposta. Ho avvicinato la mano sulla sua coscia e gliela ho accarezzata sfiorando i jeans. È rimasta impassibile per 4/5 secondi. Dopo mi ha detto che doveva correre in bagno a fare pipì. Quando è tornata ha spostato un po’ la sedia e si è seduta di qualche centimetro più distante. Ogni tanto le chiedevo qualche consiglio su come ordinare i documenti di iscrizione degli studenti e la toccavo sulla spalla. Lei sembrava non farci caso.

Alla fine della giornata, l'ho salutata alzando la mano per battere il cinque. Quando le ho toccato il palmo, questo era tiepido. E sudato.

La mattina dopo c’era lo scritto di Italiano. La valutazione doveva essere collegiale, per cui li ho corretti assieme a lei nel pomeriggio. Durante la correzione, la mia coscia toccava la sua. La sentivo calda. Abbiamo avuto una discussione sulla gravità o meno degli errori di un compito. Lei si è innervosita e, mentre argomentava, mi ha colpito col gomito sul fianco; infine, quando gliel'ho data vinta, mi ha lisciato il braccio.

Dopo che abbiamo corretto l'ultimo compito, si è alzata ed è andata al bagno. Quando è rientrata, ha chiuso la porta ed è venuta a sedersi. Ha roteato la testa come se volesse distendersi. L’ha tenuta piegata dall'altra parte per cinque/sei secondi e mi ha detto che aveva il torcicollo. Ha parlato tenendo gli occhi chiusi.

Ho percepito una vampata di calore e un odore acre di sudore. Per un istante mi sono sentito come se avessi la testa vuota.

Avrei voluto appoggiare le labbra sotto l’orecchio, baciucchiarla sugli zigomi, sul mento e sopra la guancia, all'angolo delle labbra e poi sulla bocca.

Però poi ho incrociato le mani dietro la nuca e ci ho appoggiato la testa facendo finta di essere rilassato. Non sapevo che altro fare. Lei ha aperto gli occhi e mi ha guardato di sbieco. Poi ha detto che era giunta l'ora di andare via. Ho annuito senza dire una parola.

Siamo usciti dalla scuola. Ci siamo salutati e mi sono messo in macchina. Quando sono arrivato a casa, la porta della cucina era aperta e ho intravisto mia moglie ai fornelli. Dal corridoio l'ho salutata di sfuggita e mi sono infilato in bagno.

Ho chiuso la porta a chiave e ho appeso l’asciugamani alla maniglia, in modo da coprire il buco della serratura

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.