LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Stefano Verrengia
Risveglio

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

RISVEGLIO

 

Non vi è giorno in cui non penso

a quanto sia arduo sognare

galassie lontane, inalare

l’incenso stellare di anni luce

inosservabili, labili attimi

dove si è fratelli dei fili d’erba

cercando di capire cosa serba

per noi l’eternità.

E’ una velleità, uno sciocchezza

da scarafaggio, da minuto raggio

di sole che nell’ebbrezza

del vento si disperde fra i fiori.

Ed i dolori, le angosce si dissolvono,

sciolgono come ghiaccio

a primavera, ed i colori sgorgano

come da una fontana di vita,

ed ardita la mente spera

che la sera sia la dolce illusione

di una canzone che vibra

cantata da una contadina

fra i verdi oliveti silenziosi.

E divina, divina appare l’esistenza,

l’essenza imperscrutabile del secondo,

di questo mondo, palla verde, blu, marrone,

palla che galleggia su questo mare oscuro.

E giuro, giuro che per un attimo,

un attimo soltanto, ho sentito un tremito

infinito nel mio stomaco

affamato di immensità.

E giuro, giuro che per un attimo,

un attimo soltanto, nel canto

del merlo, del tordo, nell’abbaiare

di un cane il mio spirito sordo

ha sentito Dio.

 Giovanni Rossato - 16/04/2019 12:04:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Mi unisco ai complimenti di Klara, è un testo bello e profondo.
Grazie per i tuoi versi.

 Stefano Verrengia - 13/04/2019 17:22:00 [ leggi altri commenti di Stefano Verrengia » ]

Grazie mille Klara.

 Klara Rubino - 13/04/2019 08:33:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Buongiorno ottima poesia, tanto che la inserisco tra le mie preferite.
Otre il contenuto, stupisce anche la forma:le rime tra fine verso e inizio del successivo, con pause, le rime interne, le corrispondenze nelle pause di questo ritmo creano una musicalità sonora Take che a leggerla sembra di cantare!
E poi il finale è originale e intenso, sorprendente.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.