LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Antonio Vittorio Guarino
Qualcosa che tu non dici

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

No, la scrittura impersonale non fa per me!

Preferisco i nomi propri di persone e di cose

e l’indecenza delle confessioni.

 

Io, la castità di una bomba inesplosa,

il pube canuto di una suora,

il passo sospeso di un idiota…

 

(Certo vorranno acconciarmi la barba,

rapinarmi della mia prudenza

frugando nei capelli croste di bianca

non curanza…

Assisterò impotente, con orbite

                                                    da niente

alla spogliazione-vestizione del corpo.

Sembrerà uno di quei film

che salvano le serate dalla noia e dalla gioia,

interrotti da promo rassicuranti 

per non cacciarci nella paura della fine del mondo.

Questa breve parentesi di futuro

non può chiudersi: è una porta difettosa,

c’è da rifare la serratura.

Fino ad allora i ladri potranno entrare,

il fratellino potrà sbirciare sua sorella

che si denuda, il  padre che invecchia

e disegna sulla lavagna progetti per i figli,

la madre che dondola e si spoglia

di ogni tenerezza o ricordo sulla soglia

di una luce azzurra che è verità e menzogna,

e se stesso, che ripete nell’occhio infinito

ogni gesto o paura,

ogni tortura deliziosa nella gabbia d’oro

ove l’uccellino stecchito riposa.

Fino ad allora continueranno

a chiudersi e a spalancarsi finestre,

si appanneranno i vetri,

si disegnerà col dito sulle tempeste).

 

Questa notte ho boccheggiato

in un acquario di lacrime.

Se Notte cade così presto…

Questa notte ho perso

la vista, l’udito, il gusto, l’olfatto... solo il tatto

m’è rimasto per stringermi nel disastro

della carne.

 

Sono solo, sono solo, sono solo.

È inutile cercarti nei luoghi deserti di te.

Parlo con nessuno (la logorrea del battista).

 

Ricordi il tempo delle maschere e delle

metamorfosi?

 

Ho corroso i palmi con la luce.

 

Passati i pomeriggi delle muse,

le lunghe camminate perdute,

nell’aria d’oro polverizzate.

 

Ho educato il mio orecchio alle incipienti

congiunzioni del mondo.

 

La più ottusa delle bambole

fa il verso della tua Assenza.

Cadute le note dallo spartito,

non restano che righi neri

e in mezzo stupidi cieli!

 

Ho osservato  più volte

l’occhio avverso dei gatti

ed  ho perso il senno dell’uomo.

 

Sui vetri disegno l’ovale smorfia

degli idioti e dentro, poi dentro…

 

Era inverno, e l’inverno ha leggi di Odino...

Era inverno, e d’inverno si contano i passi

dei morti sulla neve, si disegnano

angeli dalle ali aperte…

 

Ma se notte cade così presto

chi vedrà l’angelo andare,

i morti inventare sentieri

per i vivi?

 

Non ho che diari d’assenze da scrivere

e versi che nessuno vuol cantare.

La mia camera, sempre un covo

maleodorante di fogli, verrà presto smantellata

e il sole potrà entrarvi senza pagare i doganieri dell’ombra.

 

I burattini sulla mensola

mimano la guerra dei soldatini.

 

E dunque mi hai lasciato

la profezia della mancanza,

la mediocrità della separazione.

 

Ogni orma dice - della tua assenza -

qualcosa che tu non dici.

 Ivan Pozzoni - 03/01/2018 01:40:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Interessante, complimenti.

 amina narimi - 02/07/2017 16:57:00 [ leggi altri commenti di amina narimi » ]

È un vento favorevole la tua poesia
Certo vorranno accorciarti la barba
sostenere che la speranza sia una categoria dell’esistenza,
- perché appannata la fiducia nella continuità-
La felicità alla sua fonte era eu-daimon- ia..
un daimon contento, non padri e madri che fanno dell’anima del figlio
il simbolo della loro vocazione nella gabbia d’oro
sostituendosi ai nostri genitori cosmici, agli antenati,
ai nostri gemelli dai nomi propri di persone e cose

Ma “ un orecchio educato alle incipienti congiunzioni del mondo”
dice qualcosa che tu non dici


 Antonio Vittorio Guarino - 02/07/2017 15:40:00 [ leggi altri commenti di Antonio Vittorio Guarino » ]

Grazie! Non sono un professionista perché non guadagno con quello che scrivo. E poi meglio essere "amatori" della poesia che professionisti ;)

 Lig E. Norant - 02/07/2017 09:06:00 [ leggi altri commenti di Lig E. Norant » ]

Non ancora andrò a leggere la tua biografia ma, da ignorante di poesia quale sono, ci scommetto su: qui si tratta di mestiere, di artigianato colto, di un poeta di talento senz’altro ma anche già ben formato (direi "professionista" se però non odiassi questa modalità di categorizzazione per l’amata Poesia).

Davvero un’ottima scrittura poetica.

P.S. Vado a vedere se ho vinto la scommessa

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.