LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Vlad
monica

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
La famiglia è riunita a tavola. 

Rumori di stoviglie e piatti. 

Un uomo, una donna e due ragazzi 

mangiano veloci, temendo di dover parlare. 

Finiscono, e tutti si dileguano 

in poco tempo- ognuno per la propria via. 

Monica è alla toilette che vomita tutto. 

La donna corre gridando: 

chiudi quella porta perdio! 

 

L' uomo seduto sulla poltrona di pelle 

guarda la tv per non guardare i pensieri che ha dentro. 

E tiene sulla bocca un mozzicone spento 

ché solo così potrebbe fumare ancora. 

è distratto, il ragazzo appoggiato sul davanzale 

della finestra . Guarda assorto oltre un muro 

di cinta, è una stazione di carabinieri, forse, quella? 

venite a prenderci. 

Venite a prenderci di corsa. 

 

monica ha il viso pallido, si spoglia nuda 

entra in camera e si aggiusta le coperte. 

Oltre il soffitto, un letto che grida. 

una coppia ansima 

Scambiandosi bestemmie e parolacce a vicenda. 

La donna esce di casa, 

una bottiglia di whisky nella borsa. 

Il ragazzo alla finestra continua a guardare il muro 

mentre fischietta no woman no cry. 

L'uomo davanti alla tv si addormenta, 

il mozzicone cade per terra. 

Monica , distesa, un gran mal di testa. 

Appena prende sonno comincia a tirar via le lenzuola. 

 

' e un uomo ricurvo nella carrozzella si avvicina lento, 

è proprio lì davanti quando si alza di scatto: 

"Ehi, tu. Vaffanculo!" le dice gridando. 

Una donna lo accompagna mentre mostra il sangue 

dal seno squarciato. Poi si mette a ridere strappandosi tutti i capelli. 

Un ragazzo, seduto accanto, prende un piccone e scava una fossa. 

e si mette ad urinare, prima di tuffarcisi dentro. 

Un'aquila scende veloce, 

mostrando sul becco un pezzo di pelle umana rivolta come uno straccio.' 

 

Monica si sveglia di soprassalto 

le lacrime la avvertono di qualcosa. 

Ma quel che teme si è già fatto momento. 

Sotto ad una finestra, davanti ad un muro 

di cinta di una caserma di carabinieri, un corpo 

di ragazzo è ora riverso per terra. 

La ragazza piange, piange disperata, 

mentre continua a guardarlo, nuda 

dall'alto della sua terrazza. 

Pure la donna che torna a casa, una bottiglia di whisky in mano, 

lo vede con l'aria di paura dipinta sulla faccia. 

è solo un'ombra, un'allucinazione 

-dice tra sé- mentre si allontana barcollando- 

è solo una mente ubriaca che viaggia.

 

 Amleto Bene - 02/03/2013 02:01:00 [ leggi altri commenti di Amleto Bene » ]

Mi piace molto

 Domenico Morana - 01/03/2013 23:07:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Sono veramente colpito! Mi sembrava di leggere Sascha Aurora Akhtar (ch’è fantastica poeta). Grande atmosfera!
Ciao, Vlad

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.