LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Pizzo
Canto d���inverno

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
 

La sua voce mi insegue inesausta ode

echeggia per viali ampi e tronchi scheggia;

a sera, sai, ombra che s'acquieti pare

prima d'azzannare perfida il cuore.

 

È un intrico di note l'inverno, sai?

con torsioni invisibili di accordi

effonde intensi brividi alla schiena
si che t'immagini orchestri l'avvento.
 
 
E siedi a sentirne sferza tra rami
che contorce e smorza pur tenui cromie
allumando emozioni che sanno aria
dell' eterno ritorno aureo di un canto.

 Salvatore Pizzo - 12/04/2021 03:15:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Annalisa:
Molto sentite anche per me queste tue parole, mia cara Annalisa. Te ne sono infinitamente grato. A te un abbraccio pi che mai

 Annalisa Scialpi - 11/04/2021 11:03:00 [ leggi altri commenti di Annalisa Scialpi » ]




Intensa poesia,

molto sentita l’immagine

dell’ombra che azzanna il cuore

e poi ritorna, aurea, come canto...




 Salvatore Pizzo - 14/02/2021 00:03:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Gil:
Non posso che inchinarmi a fronte di questa tua lettura tanto generosa, mio caro Gil: come ben sai, mi considero alla stregua di un apprendista stregone. Ed ogni volta che mi accingo a misurarmi con formule magiche, ingredienti per pozioni, alambicchi e strumenti vari, provo sempre una sorta di stretta al cuore. Sento che qualcosa mi spinge sempre pi verso il rispetto di parametri e forma. Eppure ho in me qualcosa che non tollera tutto ci. Quindi posso dirti che son combattuto. E che, in definitiva, sto cercando di trovarci una mediazione.
Grazie di cuore anche per l’abbraccio che ricambio con sentita amicalit.

 Salvatore Pizzo - 13/02/2021 23:48:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Franca:
Mi incanti mia cara Franca, al punto che sono davvero felice di condividere con te questa passione per la parola.
Grazie di cuore.

 Gil - 11/02/2021 08:05:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Si potrebbe usare questo testo per spiegare che cos’, forse nella visione pi tradizionale, la poesia, perch, prima ancora di interpretarne i possibili messaggi o significati, autoriali o proietti o ovvero impliciti o plausibili, qui emerge la bellezza formale, certo da sola non basterebbe a far diventare un testo in versi un’esperienza di poesia nel lettore, qui abbiamo anche l’ispirazione, non v’ contraddizione con il mancato completo dispiegamento di senso, dall’"odore" gi s’intuisce la bont del "cucinato", bellezza data da un ritmo interno, un ricorrenza di misura strofica, appunto una misura che diviene lo strumento dell’artista per dare una bella forma alla sua opera.
Nella variet gi osservata da Franca, questa attuale tra le mie preferite della tua scrittura, mai banale e sempre in ricerca della sua verit poetica e, per te soprattutto, umana.

Un abbraccio, caro Salvatore.

 Franca Colozzo - 10/02/2021 12:40:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Questa tua, Salvatore, una poesia decisamente diversa dalle altre. Ma sono abituata a vederti percorrere strade divergenti in un altalenante succedersi di emozioni, ora in note struggenti, ora in rapide cascate di stridenti prosaici versi. Un po’ come me, anche se meno esasperato e crudo il tono che conferisco alla parola, parola che strumento dell’anima.
Echeggia in questo componimento quella voce interiore, quel trambusto che risuona tuttora nella tua testa, un pensiero che ti insegue dovunque tra viali alberati ed ombre serali. L’inverno esaspera le note vibranti di quella voce misteriosa che brividi fa scorrere sulla schiena.
Certo che il tuo canto mai si smorza, vestendosi di gelo nel crudo inverno, cos come la speranza che si appresta a tingersi di verzura e fiori a primavera.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.