LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Pizzo
Il tramonto è bugia

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Di tra i rami si finge bugia a fuoco
 
si che, bruciando bassa e fumosa, ombre
 
manda in scena da consumate attrici
 
 
nel vespro incerto improvvisando a freddo
 
monologhi sotto astri ancora vaghi
 
sul confine, ove sbadiglia già luna.

 Salvatore Pizzo - 12/04/2021 01:36:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Annalisa:
L’evanescenza mi emoziona moltissimo: sia nella scrittura che nelle arti visive. Il dissolversi delle immagini, dei corpi, del mondo intero, è qualcosa che sento come un sentimento d’irresistibile mestizia che mi introduce in una dimensione altra.
Grazie di cuore anche per l’apprezzamento assai lusinghiero

 Salvatore Pizzo - 12/04/2021 01:24:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Manuela:
Paradossalmente, al di là di ogni convenzionalità poetica, debbo confessare che, l’alba ed il tramonto, sono i momenti in cui sento di stare meglio fisicamente. Potessi cancellerei del tutto il giorno. Che sia la mia natura vampiresca più che poetica?
A parte gli scherzi: davvero, quando finalmente cala il sole all’orizzonte, mi sento meglio proprio fisicamente. La tensione che mi ha accompagnato per le ore diurne finalmente si scioglie. E mi sembra di rinascere. All’alba, quando riesco a cogliere i primi movimenti della vita che intorno si risveglia, ho la prova che sono rinato. dunque sento che posso andare a dormire. Come puoi ben capire dormo assai poco.
E son d’accordo con te:"La libertà in fondo è come l’aria non puoi farne a meno come non puoi smettere di respirare .."In questi tempi di pandemia ci manca un po’ l’aria, vero.
Grazie di cuore

 Annalisa Scialpi - 11/04/2021 10:51:00 [ leggi altri commenti di Annalisa Scialpi » ]



L’evanescenza, che meraviglia...

Spazio della visione che cresce, si mescola, muore

nell’atto sognante di un risveglio

dalla non oggettività del mondo...

Molto apprezzata!

 Emanuela Lazzaro - 10/04/2021 23:51:00 [ leggi altri commenti di Emanuela Lazzaro » ]

iL Tramonto e l’alba sono quasi per convenzione i momenti più poetici di tutta la giornata: all’alba forse perchè non siamo ancora del tutto svegli e al tramonto perchè siamo troppo stanchi... In ogni caso con la mente e con il cuore vorremmo sempre essere altrove, sciolti da lacci e lacciuoli come in questi mesi più non siamo, La libertà in fondo è come l’aria non puoi farne a meno come non puoi smettere di respirare ..

 Salvatore Pizzo - 08/03/2021 02:57:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Grazia:
Grazie di cuore mia generosissima amica, le tue parole i valgono molto più che una medaglia.
Anche a te un più che caro saluto.

 Graced - 02/03/2021 17:45:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Bellissime emozioni che dà il sole quando si accinge a tramontare, accende un fuoco che va verso il cielo, mentre l’ombra copre verso il basso, credo sia un’emozione poter ammirare questa inedita visione e, infatti, il poeta ne ha avuto un’impressione che lo ha colpito, tanto da farne una splendida poesia. Essere poeti oltre che scrivere si devono osservare le cose che colpiscono interiormente per poi ritrasmetterli al lettore. Complimenti Salvatore ed un caro saluto da Grazia.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.