Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 11/01/2021 12:00:00
Pagina aperta 121 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 22 15:41:00 UTC+0100 2021

L’inganno della superficie

di Marco Pelliccioli

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

L’Angiolina al balcone che lo aspetta
frigge in padella le cervella

   (il cielo rosso gonfia il grembiule in vita),

scivola il granello, forse una mollica

sulla parete molle, a tratti denutrita

   (porte murate, sacchi, cornette nell'insegna

   strati multiformi che pendono marciti

   buchi, ganci, cavi attorcigliati

   foglie crivellate dure come scorze

   cumuli di pietra ai piedi della via)

il granello si disperde nel pulviscolo in cantina
sgretola la luce, il foro in fondo al corridoio...

 

*

 

Il rossetto della madre
scende labbra alte cento piani
spiroidi, curve, a tratti proteiformi

   (il Bosco Verticale modula ordinati

   ciuffi soffocati da un verde che non c’è,

   identici quadrati riflettono nel vetro

   sagome arruolate, asfittici rovesci)

l’acqua immobile al centro del “pavé”

galleggia piatta, non ha profondità.

 

 

 

TRENORD


L’uomo-nero ruba, dicono due buoi, con la gazzella bionda, avvolta nelle cuffie, che punta nel mirino un video da “postare”. Come mucche al pascolo, i pendolari a bordo scuotono la testa.

 

 

[ da L’inganno della superficie, Marco pelliccioli, Stampa 2009 ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »