Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 29/07/2013 12:00:00
Pagina aperta 3111 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 9 01:33:00 UTC+0200 2020

’La gazza’ di Monet

di Maurizio Soldini (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

La Gazza, di Claude Monet - Musée d'Orsay Paris

 

 

La piccola ombra scura si proietta

davanti a noi sul recinto bianco

della vita dove i giochi di luce

s’insinuano e delineano

quello che siamo e quello che non siamo.

La gazza insegna che il punto grigio

all’apice della staccionata che sole e neve

dipingono nell’immota sua meraviglia

è il nostro punto fermo

di un domandarsi che mai s’acquieta.

Chissà se mai potrà qualcuno un giorno dirci

quello che siamo e quello che non siamo:

il punto grigio immerso nella neve

o la gazza stessa che stupita ammira la sua ombra?

È la domanda a cui noi sottostiamo abbarbicati

sopra quel legno storto che modula la luce

e ci attraversa e poi si arresta alle spalle

e riempie di stupore noi che siamo

alla ricerca di quel senso per quel punto grigio

forma informe di noi e della gazza

impressa nel silenzio luminoso della neve.

 

 

[ Dalla raccolta Frammenti di un corpo e di un’anima, Aracne editrice, Roma, 2006, proposta in Salon Proust, LaRecherche.it, 2013 ]

 

    

 

 

 

 

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »