Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 963 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 21 10:57:33 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Abu Ghraib

di Lino Lista
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/11/2011 00:13:38


Non confidate
di trovare scampo,
quando trabocco anniento,
v’indurirò nel tempo d’un istante
e diverrete un blocco inseparabile,
l’opera somma tra le brute immagini.
Solleverò la mia furia
come un’ondata di magma,
v’erutterò sui pensieri
lapilli e montagne di cenere;
sono il nemico d’ognuno,
ignoro la tregua e la pace,
confondo carnefici e martiri,
accorpo carcerieri e carcerati:
io sono il vulcano più attivo del mondo
di repentine eruzioni, chiamatemi Odio.
Mi coprirò col mantello
della nottata più buia,
m’inietterò nello sguardo
il fuoco perenne degli inferi,
innalzerò dagli abissi
i cerberi cani ringhianti,
impietrirò le vostre carni assieme
e diverrete un gruppo immortalato,
dei vostri cuori vuoti farò calchi.
Susciterò l’invidia inappagabile
d’ogni sorta d’artista maledetto
e strozzerò la voce dei poeti
quando pronunceranno il nome Amore.
Dovrà Botero le sue forme tonde
mutare in corpi duri e spigolosi.


.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lino Lista, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Noi voleremo (Pubblicato il 27/07/2018 19:04:31 - visite: 97) »

:: Ricordo di una donna (Pubblicato il 11/01/2018 12:31:28 - visite: 127) »

:: Baudelaire line (Pubblicato il 25/04/2013 18:57:46 - visite: 1063) »

:: Europa demitizzata (Pubblicato il 14/11/2012 16:49:34 - visite: 808) »

:: Al pianista di Roman Polanski (Pubblicato il 06/05/2012 17:27:32 - visite: 1193) »

:: Un fiume chiamato “Follia” (Pubblicato il 02/01/2012 21:31:32 - visite: 923) »

:: Acini Sparsi (Pubblicato il 22/10/2011 18:10:49 - visite: 924) »

:: Donna Bellezza (Pubblicato il 15/08/2011 15:34:42 - visite: 963) »

:: I colori del cielo a Birkenau (Pubblicato il 31/07/2011 22:07:23 - visite: 1063) »

:: Dove tu credi (Pubblicato il 18/07/2011 10:26:19 - visite: 1098) »