Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1653 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Apr 11 14:25:46 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nel nosocomio (4 inediti)


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/02/2012 12:00:00

*

 

Sarà che il metabolismo è sempre più lento

nel nosocomio dove ci affolliamo, in attesa

sulla riva del traghetto di una perenne estate.

Alcune più ottimiste ricorrono all'addomino-

plastica, a seni ovali e duri come ciottoli di fiu-

me, i nostri fiumi, che scorrono lenti, nella memo-

ria a lungo termine, sepolti dalla tav, o sarà per-

ché accanto al nostro nosocomio cresce bianco in-

esorabilmente l'ennesimo condominio senza fine-

stre, senza balconi con i panni stesi, senza rumori

senza suoni, un dormitorio che non promette

nulla di buono.

 

 

*

 

Refrattari, esterrefatti, vediamo crescere come un

fungo questo dormitorio, accanto al nostro nosoco-

mio. Non ci sono insegne al neon, nessuna pubbli-

cità ne parla. Tiriamo giù le veneziane per non ve-

dere la nube di polvere che si solleva durante i la-

vori, basculiamo col pube, oscilliamo il sedere.

Per non vedere i fiori marci che si accu-

mulano nei cassonetti accanto al dormitorio, accu-

diamo alacremente i fiori finti che abbelliscono

perennemente il nostro nosocomio. Comi-

nciamo ad accusare gli effetti dei miasmi ma

anche Chi ci rassicura sull'eternità della plastica

e del nostro direttore, che porta una perennemente

sorridente maschera di dura plastica.

 

 

*

 

Meglio farsi la plastica, meglio sostituirsi col

titanio, meglio cento volte meglio cercarsi i pez-

zi di ricambio che rassegnarsi alla rottama-

zione. Meglio molto meglio assordarsi con la

disco dietro il vetro durante l'ora di body sculpt,

perché non possiamo permetterci di entrare

nel silenzio puzzolente dei dormitori. Qualche

suicidio dimostrativo, molti tentati, ma la lavanda

gastrica è meglio molto meglio che la lavanda

dei piedi dei preti, queste superstizioni che non

pagano. Al supermercato ho comprato un gel

alla lavanda, che assorba gli odori che esalano

dalla vicinanza del dormitorio.

 

 

*

 

Sembra che il vicedirettore, così su due piedi,

abbia deciso che, a causa del sovraffollamento,

saremo tutti trasferiti, prima o poi, nel dormi-

torio. Questa proprio non ci vo-

leva. Si credeva che avendo rinnovato l'abbo-

namento questo abominio ci sarebbe stato ri-

sparmiato. Piuttosto mi spezzo ma non mi pi-

ego a questa assurda decisione di un vice-

direttore. Credo sia possibile che il mio

corpo diventi più duro della realtà apparente:

le belle nonne fresche di botulino, le belle

nonne coi capelli rossi o gialli, le belle

donne che oscillano sui tacchi alti di

fronte al nostro direttore che offre loro

il caffè ogni volta che passa dal bar del nostro

nosocomio per far vedere a tutte che ce l'ha

ancora e sempre duro.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: ante meridiem (Pubblicato il 15/04/2019 12:00:00 - visite: 155) »

:: In memoria (Pubblicato il 08/04/2019 12:00:00 - visite: 201) »

:: Il nome che ti manca (Pubblicato il 01/04/2019 12:00:00 - visite: 195) »

:: Dalla cripta (Pubblicato il 25/03/2019 12:00:00 - visite: 236) »

:: Fiori nati su roccia (Pubblicato il 18/03/2019 12:00:00 - visite: 214) »

:: Rifrazioni (Pubblicato il 11/03/2019 12:00:00 - visite: 235) »

:: Poemas soterrados e desterrados (Pubblicato il 04/03/2019 12:00:00 - visite: 269) »

:: Tempora (Pubblicato il 25/02/2019 12:00:00 - visite: 248) »

:: Essere realtà senza vergogna (Pubblicato il 18/02/2019 12:00:00 - visite: 400) »

:: Il cancello (Pubblicato il 11/02/2019 12:00:00 - visite: 203) »