Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 516 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 15 21:24:17 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Santi e Metafore

Argomento: Antropologia

di Massimo Fazzari
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/02/2015 02:57:49

Santi e Metafore

 

Il sole riluce sulle rampe delle scale, un suono nei megafoni installati ai fianchi della chiesa cattedrale , nugoli di persone commiste si dirigono come in una scena finale di sopravvissuti ad un disastro nucleare in stile anni cinquanta, di Maggio, fra Via Duomo e Spaccanapoli, fino a Santa Chiara...figure filosofali in toghe rosse con scritte latine sulle vesti e su strisce con simboli sacri .e tenebrosi . Un coro, una musica sacra, una cantilena intonata da un prete e alle sue spalle ecco, una processione fatta di busti argentei . Non solo il 19 settembre ma più cadenze segnano la tradizione sacra e a volte profana delle celebrazioni “Gennariane”. Anche in Dicembre vi è un giorno dedicato e poi tutti i giorni 19 del mese vi sono messe particolari c/o il Duomo. Non solo nei tempi celebrativi ma anche nei luoghi, San Gennaro fa mostra di sé attraverso il forte senso popolare di trasporto verso questa figura ormai simbolo di un modo di vivere, di pensare e forse di essere. Le parole tradizione, popolare, folklore divengono in tali occasioni sinonimo di tutta una serie di comportamenti fra la religiosità, la credenza, e a volte la magia (come in occasione del Miracolo). Celebrazione forse è la parola che mette d’accordo  in   tutti i sensi questa che andrebbe definita “ritualizzazione della morte e della rinascita “, cristianizzazione degli ancestrali “riti del fuoco sacro “ ecc. Il fuoco vesuviano, verso il quale la Mano di San Gennaro protettore si levò a salvare la città, o il taumaturgico valore del “sangue iniziatico “ che “lava dal peccato” o che purifica il passaggio o che facilita l’entrata in un altro stato, fino a quello ultimo, della morte. San Gennaro dunque fra la vita e la morte e così il 19 settembre di ogni anno del nostro calendario si ripete una strana comunicazione di vibrazioni che fa tremare la terra sotto i nostri piedi, ma solo in senso metaforico...riguadagnando il senso di precarietà che si vive tutti i giorni nella città di San Gennaro. Anche questa può essere un’altra Napoli.

di Massimo Fazzari


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Massimo Fazzari, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.