Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 999 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Dec 6 03:15:51 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Percezioni riflesse

Argomento: Filosofia

di Gianfranco Calvi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/03/2009 22:14:24

"Percezioni riflesse"
29/10/2002

Si fugge dalla realtà perché meglio rappresentata dal cinema?
A volte oltre misura per nascondersi da principio con estrema espressività spinta per alcuni al dinamismo e per altri alla accentuazione nella forma e nei colori, per poi arrivare con astratta allusione e/o illusioni percettive, parto genesi di forme metafisiche, surreali o rigidamente ancorate a precetti dogmatici.Forse non vogliamo rappresentare qualcosa, qualunque cosa, con forma scomposta e colori improbabili, forse cerchiamo convinti di trovare!
E’ la "percezione riflessa" che va intravista in unico ma illuminante istante nel quale prende vita la vita!.
Espressione concettuale racchiusa in una opera artistica.
Anima come metafora su ogni cosa, come vita soffiata nei corpi, come luce riflessa sugli occhi, misura e paragone.
L’ intelletto legge una vita razionalmente intuendone l’irrazionale. La conoscenza ha la pretesa di mettere un po’ d’ ordine nel caos esistenziale, disegnando metodologicamente schemi d’ interpretazione.
Troveremo una lingua comune a Dio?

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Gianfranco Calvi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.