Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 828 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 18 23:14:23 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I blogger come i libellisti- Le cose permesse

di Ippolita Luzzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/06/2012 21:10:02


Blogger- i libellisti del duemila e dodici

da Luciano di Samosasta ad Archiloco nell’antica Grecia
da Orazio e Marziale nella romanità,
dalla satira all’epigramma
da Dante a Pasquino nell’anno del signore
dai libellisti del settecento a Pasolini
da Pasolini a noi, ai blogger, i libellisti del web

(GRC)
« ὦ λιπερνῆτες πολῖται, τἀμὰ δὴ συνίετε
ῥήματ' »
(IT)
« Miserabili cittadini, sforzatevi almeno
di capire le mie parole »


Così diceva Archiloco, suppongo urlasse

Ed io modestamente non dico come lui
Non mi permetterei mai
Adesso siamo civili
Adesso che sono permesse le cose

Le cose permesse

È permesso parlicchiare del tempo
Delle stagioni che…
Non sono più quelle di una volta
Del caldo e del freddo
Della pioggia che batte con troppa violenza
E’permesso domandarsi dei figli
Che crescono, studiano
Danno esami, sono all’università
Poi se proprio si deve
Un come stai
È permesso sempre
Ovviamente senza però rispondere davvero
Basta solo:- Io bene e tu?-
Le cose permesse
Permesse davvero sono le insulsaggini
Le ripetizioni, le banalità, il suono soltanto
Di una chiacchiera chiamata ancora
conversazione





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ippolita Luzzo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Ippolita Luzzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Io non sono una donna del sud (Pubblicato il 25/06/2012 08:19:52 - visite: 955) »