Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Su ’Blackstar’ di David Bowie.

Argomento: Musica

di Fernando Della Posta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/01/2016 16:21:31

Maestria, maturità, esperienza, nessun rifiuto di quello che si è a una certa età. Anzi, utilizzo ottimale di tutto quanto si ha disposizione. Raffinatezza, conoscenza e competenza che, questa volta, non mascherano assolutamente quello che il duca bianco del rock realmente è stato a quasi settant'anni, con una malattia chiusa nel suo corpo come dentro uno scrigno. Lo stesso scrigno che ha custodito sotto innumerevoli vesti una personalità su cui quasi tutto il globo che definiamo occidentale dotato di orecchie si è interrogato, creando il mito, che, badate bene, senza perizia artistica non si sarebbe mai formato (non siamo assolutamente di fronte ai fenomeni da baraccone di ultimissima generazione). Ma stavolta Bowie ci lascia un lavoro che è prima di tutto un testamento artistico in cui la maschera è più che mai funzionale alla realizzazione finale di una personalità polimorfa nelle sue manifestazioni, ma solo perché votata totalmente e indissolubilmente all'intrattenimento. Assistiamo ad una trasmutazione alchemica magistralmente orchestrata attraverso l'arte, di un uomo nel suo pieno declino, senza vergogna, un uomo sereno, quasi rassegnato. Una grande lezione (proprio da lui, chi l'avrebbe mai detto?) ad un mondo sempre più patologicamente teso all'immagine, all'apparenza e all'ostentazione maniacale di una sorta di 'eterna giovinezza', specialmente nella musica. 'Everybody knows me now' recita un verso della magnifica 'Lazarus'.

 

https://www.youtube.com/watch?v=y-JqH1M4Ya8


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »