Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 887 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 21 15:12:31 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A Luna stanotte

di Alessandro Tavano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/09/2012 17:31:51

Quann'è notte
nu lenzolo nir carec e silenzio
vene spas ra 'ncopp sta muntagna
e abboj tutt'e cos,
e accussi', senza luce, senza remmor,
ste quatt'anime re stu paeseju,
ropp ave' faticat pe tant'ore,
astutan l'ultima cannela
e se metten a dorme.
A me, invece, e' proprio chist
u mument c'a me piace!

L' animale ro juorn,
chilli che tenn famija,
salutano e' padron
e prim che e port se chiurren
pur llor s'arreparan.
I chiu' curaggios, tutt'u cuntrario,
sul quann fa scur se vechen.
Accussi' succer ca puo' mira'
na volpe ca va scitenn e chiocche
e nu gufo c'a tene r'uocchie,
mentre 'ntona u prim canto
pe nu riccio che sta passann.

A na cert'or, pero'
pur lor tenn suonn, e po'
tra nu pensier e n'at,
chesta notte u tiemp e' vulat,
'ste bestiole se stann 'ntanann
e u gufo l'ultim vers a gia' cantat.


Mo' che so rimast a sul
e chiu' niente ce sta ra uarda',
me stenno 'ncopp a 'st' erba
e stu cielo  vojo cuntempla'.
Ma aspetta nu mument!
Stu ciel e' niro...
ma che e' stu firmamento!
Nuvole n'ce ne stann...
e cumm'e' che stelle n'ze ne vecn?
Addo stanno Sirio, Orione...
Manco a Luna ce sta!
Ma forse agg capit, 
na teoria a tengo.
Forse pe varda' 'nciel
ati uocchi s'anna usa'.

Quann viri 'nterra
usi chilli ra raggione,
chilli che te fann vere' 
e cose semp uguale.
Del resto, e' normale,
si tu virissi na serpe ogni vota diversa,
ogni vota nun a canuscerrist
e tutt'e vote te muzzecass!

Quann invece fissi u ciel
cu j'uocche rell'anema a uarda'!
Assi'e' accussi ca funzion
a teoria mia e' bona
e mo' te spieg pecche'.

L'ate notte ij a Luna a verev,
ma nu stev sul.
Cu me ca' ce stev n'ata anema,
chella che ij chiammav 'Luce'.
Tu a saj mej'e me a magia ru cielo,
cumma' c'a Luna se vere.

Chella sta la, e' bellela, si',
ma te' bisogno ru Sole,
che, annascost a' ret
l'aiuta a fa brilla'.

Che fess che so stat!
I me pensav che stanotte
me putev vere' a Luna
comm'agg fatt l'at notte.

Mo' caccos e' cagnat...
u Sole mij se n'e' jut...
Mo' , a veramente,
nun ce sta chiu' niente a uarda'.
Mo', ropp tutte 'ste pensier, 
m'aggia sul che ij a cucca'.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandro Tavano, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: E’ dolce il vivere (Pubblicato il 20/09/2012 18:04:50 - visite: 697) »