Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1029 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 13 18:43:00 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il grande amore perduto

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/10/2012 11:39:34

IL GRANDE AMORE PERDUTO

 

-Mio nonno ch’aveva un giardino d’aranci e manderini

quando l’abbeverava cogli alberi ci parlava, li nominava a uno a uno:

Stunatu, Lagnusu, Tignusu, Maluntisu …

il mio si chiamava Ciuriddru.

 

-Mia nonna Agatina diceva a mio nonno Totò:

 

-Cristofalo, bagnati la manina, vai in centro e fatti la croce davanti a Gesù.

 

-La zia Mariuccia apriva la borsa e prendeva due caramelle: una di liquirizia e una di carruba.

Vai a dare un bacio alla zia Mariuccia.

La zia Mariuccia aveva la faccia liscia, le mani pasciute e belle,

profumo di borotalco e sapone fresco, era la moglie del maresciallo

in bicicletta Saporito Ernesto.

 

-Dice mia madre: m’u jnchi stu bucali di acqua fresca e ci metti pure un poco di anice zammù.Grazie.

 

-Visto Cristofalo, visto Giovanni, visto Matteo, uno due e tre,

  liberi tutti.

 

-Pupetta

 

-‘A  zza Tanina ci detti l’estremu salutu a so’ maritu davanti ‘a porta,

  ci fici corteo svintuliannu u fazzulettu:pirdunami, Natale, si non pozzu     caminari.

 

-Io quannu moru vogghiu essiri misu vasciu, ca si passa vinu allongu a manu.

 

-Cantava Alfredo il tenore, ascoltava la voce di mia madre e cantava:-addi’ per sempre il sogno mio d’amore/l’ora è fuggita e io muoio disperato…-, un canto dietro una porta chiusa.

 

-Rosetta si asciuga i capelli al sole, si pettina e mi saluta.

 

-Pupetta

 

-Pupetta e Rosetta sedevano all’ombra sul gradino di casa, parlavano piano   col fiocco rosa in testa e si aggiustavano il vestitino.

 

-Cristofalo, sali, la pasta è pronta, t’a fici cu sucu comu ti piaci a tia.

 

-Curri, te’, curri, va’ portaci a pasta a Sciaverio, ca s’arrifridda.

 

-Mio padre me lo sognai:la vedi questa goccia?tu la mia faccia la vedrai quando questa goccia bucherà la montagna da cima a fondo.

 

-Pupetta

 

-Quando ridi tu, cambia il tempo

 

-Fammi vedere la tua delicata farfalla

 

-Quella volta dovevi scendere due rampe di scale, non lo facesti ed io me ne andai:quanto ti ho amata solamente io lo so.

 

-Andiamo ciòccolo di mammà, non lo vedi che sono nuda e fresca, lo senti come parla questo fiore fiorito delle mie cosce.

 

-Di tutto il mio bel corpo m’è rimasto solo il telaio, ma lo sticchio ancora mi fa cicht ciocht, ne vuoi?

 

- A causa dell’acqua i Manno lo presero a bastonate a mio nonno e lo gettarono in un fosso.

 

 -Peccato l’orticello, le piante di pomodoro, le zucchinette, le melenzane, il basilico, il prezzemolo, i fiori di zucca, , i tenerumi, le lattughine.

 

-L’acqua chiara perché se la debbono bere i porci, Sciaverio?

 

-Eccomi, fratello, il grande amore perduto è ritornato, ora e sempre insieme, per vedere se almeno Lui lo capisce, questo amore, per il quale per lui abbiamo fatto fessa pure la morte.

 

-Brigadiere, ch’era bello giocare a pallone

 

Nicola Lo Bianco

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Cristofalo (Pubblicato il 09/02/2017 11:49:55 - visite: 444) »

:: il grande amore perduto (Pubblicato il 26/01/2016 18:17:49 - visite: 494) »

:: Senza di te, Lia (Pubblicato il 30/09/2014 12:18:45 - visite: 645) »

:: nell’attesa (Pubblicato il 24/09/2014 18:16:17 - visite: 568) »

:: Cristofalo, II strofa (Pubblicato il 24/09/2014 12:35:28 - visite: 505) »

:: Aspettami (Pubblicato il 14/06/2014 08:26:47 - visite: 766) »

:: Aspettami (Pubblicato il 14/06/2014 08:25:10 - visite: 414) »

:: Nell’attesa (Pubblicato il 09/11/2013 11:17:23 - visite: 806) »

:: In risposta ad Alda Merini (Pubblicato il 25/10/2013 11:30:13 - visite: 938) »

:: Pupetta, affacciati (Pubblicato il 03/06/2013 17:42:39 - visite: 875) »