Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 958 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 9 17:40:37 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Morandi - Natura morta

di Chanteloup
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/11/2012 08:59:21

Ti amo Morandi

Di una pennellata
Asciutta un
Rilievo
Soffio all'anima
Scoppia il cuore in
Sabbia spenta
Mesta nella
Quiete della
Tua pennellata
Sobria come occhi
In equilibrio
Nel tono dimesso di
Mani nel silenzio
Del sonno
In madrepore 
Morbide asciugate
(di polmoni senza respiro)
Da quell'acqua
Che evapora nel
Silenzio assorto
Pallido di quel
Meriggiare a fior
Di pennello
Montale greve e 
Quieto nella
Ruga di pensiero
Crespa come
Carta asciutta
Di un bacio 
Su quella pelle
Arsa che non
Riposa.
- la grazia non è cosa
Di questa terra.

 

Asciutto nelle ossa

Riverso come il capo
Capelli di sabbia
Remota su quella 
Spiaggia che non 
Vede mare
Luce di sale
Occhi di pomice 
Ruvidi
Come le tue dita
Sulle mie labbra
Dipingimi 
Il colore
Di sabbia
Sulle ciglia dell'attimo
Nelle orecchie
Il fruscio graffio
Del crine
Asciugato
Bruciato dal nervo
Delle notti febbrili
Estive
Nel nodo di un 
Dito nello schiocco
Immoti delle sterpi
Di cui annodi incanti
E forme
Senza respiro e 
Tregua
In questo torrido
Sbiadire. 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Chanteloup, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le donne antiche (Pubblicato il 18/04/2019 15:10:35 - visite: 20) »

:: Buonanotte, Giacomo (Pubblicato il 05/04/2019 00:04:14 - visite: 68) »

:: Ho sonno (Pubblicato il 04/04/2019 23:35:06 - visite: 41) »

:: Cuore sbucciato (Pubblicato il 03/04/2019 12:58:17 - visite: 49) »

:: I fiori di milano (Pubblicato il 27/03/2019 14:12:30 - visite: 40) »

:: È qui (Pubblicato il 26/03/2019 09:40:13 - visite: 42) »

:: Il mare in gabbia (Pubblicato il 24/03/2019 18:33:53 - visite: 49) »

:: Costantino CCCXII (Pubblicato il 06/07/2018 08:25:54 - visite: 132) »

:: Madre? (Pubblicato il 21/06/2018 18:14:32 - visite: 157) »

:: Da Helen a Jane (Pubblicato il 19/10/2017 12:12:44 - visite: 277) »