Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1408 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 20 16:10:39 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Delirai, imperfetta, su scale


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/05/2013 12:00:00

 

Delirai, imperfetta, su scale
di bastoni
cose di cucina, casa e
impellenti misure che
ti riconoscono l'abilità alle manovre.

L'erborista
mal si conteneva
cannibali si distinsero
per una sorta di selvaggia trasparenza
ma i tuoi grandi occhi
non versano in mal celato affetto altro
che stridenti colorazioni,
semplici abbandoni nel parcheggio affondato.

Trent'anni sono un lasso di tempo conveniente
per ritirare la mano dal fuoco umido
e stringere a sé i bambini che adoro
mentre fuori puzzavano vini inaciditi
un'unità
di cui conosci le proprietà.

Trovai una pietra bagnata di lacrime
il suo soave splendore un
poco rovinato dalle palestre,

giuro di amare il catasto
nel suo gingillare per il perdono
nel pedigree delle destinazioni.

Se esco e faccio la spesa
orrore si fracassa appena
belle cicogne snelle
m'assembrano le membra.

 

 

[ Tratta da Documento (1966-1973), Milano, Garzanti, 1976 ]

 

Un video: L'assillo è Rima, Amelia Rosselli

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Ero in una tasca celeste - inediti (Pubblicato il 24/06/2019 12:00:00 - visite: 168) »

:: Lunamajella (Pubblicato il 17/06/2019 12:00:00 - visite: 167) »

:: Scrittura come ciglio (Pubblicato il 10/06/2019 12:00:00 - visite: 181) »

:: El primer hombre - Il primo uomo (Pubblicato il 03/06/2019 12:00:00 - visite: 144) »

:: V come Vincent (Pubblicato il 27/05/2019 12:00:00 - visite: 193) »

:: Midbar (Pubblicato il 20/05/2019 12:00:00 - visite: 194) »

:: Poesie per mamma Elda (Pubblicato il 13/05/2019 12:00:00 - visite: 221) »

:: Primavera, indomabile danza (Pubblicato il 06/05/2019 12:00:00 - visite: 186) »

:: Dal lavorio dei tetti (Pubblicato il 29/04/2019 12:00:00 - visite: 247) »

:: Ciro ci ha detto che gli figlia l’asina (Pubblicato il 22/04/2019 12:00:00 - visite: 156) »