Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1180 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 21 04:34:07 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

monologo sulla strage degli innocenti

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/04/2013 12:20:26

 Monologo sulla strage degli innocenti

 

Un piccolo mazzo di fiori, un bisbiglio tra noi che restiamo e voi,

dovunque voi siate, vittime innocenti, perdonateci.

 

Chi rimane è sempre colpevole, ci lasciate questo tormento,

di sentirci oscuramente colpevoli

e non sappiamo di che.

 

Sappiamo che la vostra morte ci pesa,

questa terra dove si muore per caso,

senza ragione, e ci sgomenta, ci manca il respiro

e non sappiamo da che parte guardare.

 

Non sappiamo come prendere questo mondo in preda al caos,

stupidamente feroce,

presidiato da cervelli ottenebrati, estranei alla vita dei popoli, senza patria,

che impongono l’odio e la vendetta, che decidono chi deve esistere e chi no.

 

Se poteste vederli ora dopo che i vivi sono morti non piangono,

invocano la misericordia di Dio, che stia solo dallo loro parte,

sono accorati, pregano,

ma mentre pregano proclamano che come si è fatto

così si farà.

 

Altre vittime innocenti, perdonateci, ma anche voi siete colpevoli,

voi figli di nessuno, gentucola, massa,

semplici padri di famiglia e madri che tribolano per  i figli,

che li vogliono allegri e speranzosi, e le mamme che se li guardano,

li puliscono bene, li pettinano, per farli più odorosi e più belli, bambini

che semplicemente giocano fanno i compiti e mangiano pane e latte.

 

Cento mille un milione, chi vi conosce, che avete fatto nella vostra vita?

Niente, solo faticare, rendere più prosperosa la terra, più rigogliosi i campi,

più accoglienti i vostri piccoli paesi, più serena la casa.

 

E poi? niente, combattere con la miseria, i soprusi quotidiani, l’umiliazione,

l’acqua che manca, il cibo, i bombardamenti, le case distrutte, la fuga.

E poi? niente, solo qualche speranza, e qualche volta immaginare un mondo

più giusto, e niente più.

 

Peccato, potevate essere spietati menzogneri spergiuri truffatori ladri assassini, protetti dalla forza e dalla legge del più forte,

e invece vi siete trovati in un posto sbagliato,

in un tempo sbagliato, dalla parte sbagliata.

 

Male per voi, il lutto dura tre giorni, e poi il silenzio, non v’illudete,

i libri di storia non parleranno di voi, faranno nome e cognome dei sanguinari,

fama e gloria ai cinici,  agli sprezzatori della vita,

ai malfattori di ogni latitudine.

Di Jack lo squartatore sappiamo tutto, degli squartati niente.

 

Che possiamo dirvi di più?

Vi possiamo dedicare l’immagine dell’asinello iracheno,

quello che ha trasportato le bombe,

abbandonato in mezzo alla strada

fermo a capo chino dopo la strage,

aspettando qualcuno che lo riporti alla sua natura di creatura inerme, generosa,

qualcuno che lo conduca all’umanità della sua stalla, a riscaldare ancora una volta

il corpo nudo di Gesù Bambino.

 

 

Nicola Lo Bianco

(sett. ’03)

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Cristofalo (Pubblicato il 09/02/2017 11:49:55 - visite: 445) »

:: il grande amore perduto (Pubblicato il 26/01/2016 18:17:49 - visite: 494) »

:: Senza di te, Lia (Pubblicato il 30/09/2014 12:18:45 - visite: 646) »

:: nell’attesa (Pubblicato il 24/09/2014 18:16:17 - visite: 568) »

:: Cristofalo, II strofa (Pubblicato il 24/09/2014 12:35:28 - visite: 505) »

:: Aspettami (Pubblicato il 14/06/2014 08:26:47 - visite: 766) »

:: Aspettami (Pubblicato il 14/06/2014 08:25:10 - visite: 414) »

:: Nell’attesa (Pubblicato il 09/11/2013 11:17:23 - visite: 806) »

:: In risposta ad Alda Merini (Pubblicato il 25/10/2013 11:30:13 - visite: 938) »

:: Pupetta, affacciati (Pubblicato il 03/06/2013 17:42:39 - visite: 875) »