Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Vecchio borgo

di Monia Pin
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/02/2017 20:51:23

Ci sono luoghi così impregnati di storia da sembrare fuori dal tempo, rannicchiati nel loro passato, incastonati in un'era così lontana da sembrare a noi poveri mortali come posti eterni.
Se tendi l'orecchio puoi sentire ancora l'eco dei passi perduti lungo il selciato, oppure il lontano vociare di persone che un tempo vivevano dentro quei borghi intrisi di velato mistero. Potresti anche scorgere l'ombra d'un vecchio viandante oltrepassare la piazza ed infilarsi nei vicoli stretti, l'elegante carrozza di una contessa correre lungo il viale alberato che prta in campagna o vedere il profilo d'un signorotto d'altri tempi passeggiare a braccetto dell'amata sotto la loggia del centro.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »