Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
Intervista a Giuseppe Lamarca, III classificato sezione Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 184 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 28 06:43:11 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Letture di giovinezza

di Francesco Maria Martone
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/02/2017 15:37:02

Gli anni della primissima giovinezza e dell'infanzia sono senza alcun dubbio i migliori per leggere, giacché in nessun altro periodo della nostra vita l'immaginazione e il sentire sono altrettanto vivi, floridi e potenti come quando siamo bambini. Durante l'infanzia ogni libro che leggiamo è così immensamente palpitante e così gravido di colori ed illusioni, e noi così emotivamente coinvolti nelle vicende del racconto, da arrivare a piangere e gioire di queste come fossero sinceramente nostre, cosicché non possiamo non rimpiangere quelle gioie amaramente oggi, e non guardarle, afflitti, come si guardano delle fioche luci ormai lontanissime ed irraggiungibili. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Francesco Maria Martone, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Soggettività (Pubblicato il 17/02/2017 15:22:50 - visite: 69) »