Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Umanità enantiosemica

di Flavio Manco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/06/2017 03:24:10

Due caratteristiche sono sinbiotiche nell'essere umano: l'inedeguatezza da comparazione e l'orgoglio cieco.

La prima nasce dal confrontare la propria persona con esempi illustri (immagini inumane e asettiche) e crea un clima demoralizzante che frena le azioni azzardate, allo stesso tempo il secondo creato dall'indissolubile certezza di un passato alle spalle fa agire con risolutezza (ma con il paraocchi, rendendoci come un veicolo veloce nella nebbia).

E' così che l'uomo si vede allo specchio e pensa simultaneamente di essere tra tutti il migliore e il peggiore.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »