Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1195 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Mar 3 05:38:43 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dialettica

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/06/2013 13:32:46

 

Dialettica

 

Greve cade l’accento su «polemica».

Ai Giornalisti lasciala. Già infuriano

i balestrucci con le lor vertigini

d’ombra. Cresce il meriggio, fuori, immane.

 

Queste parole un poco «alluminate»

se non «di puro argento e d’oro», almen corrusche

siano d’un bronzeo ignoto baglior sùbito

e mia corazza la dialessi. Eppure

 

non m’è mestiere avere l’armi in pugno

né pur mostrare i muscoli, Domenico.

Bastino i pianti. Sorge all’improvviso

dal ritmo interno una memoria arcana.

 

Faville d’intelletto, epifanie

forse del Vero… E cosa è il vero

se non spirito infuso in intervalli

di tempo, ch’è interiore, o non esiste?

 

Con le celate alzate ancor guardiamoci.

Cos'è questo duellare dialettico

in mezzo a nebbia diaccia, maja vana?

Allo splender dell'alba conciliamoci.

 

 

 

 

 

Paolo Melandri

30 giugno 2013

 

P.S. Le parole tra virgolette basse o «a sergente» vengono dal Falstaff di Verdi-Boito.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Alba di fiori (Pubblicato il 18/03/2019 21:26:24 - visite: 22) »

:: Il cerchio sacro (Pubblicato il 04/03/2019 21:39:18 - visite: 39) »

:: Inno olimpico (Pubblicato il 01/03/2019 21:48:33 - visite: 46) »

:: Nelle sale di Pergamo (Pubblicato il 01/03/2019 20:51:54 - visite: 27) »

:: Le statue (Pubblicato il 27/02/2019 23:10:35 - visite: 56) »

:: Testa di bronzo (Pubblicato il 27/02/2019 14:39:06 - visite: 38) »

:: Così quieta (Pubblicato il 26/02/2019 21:19:12 - visite: 53) »

:: Oracolo di Delfi (Pubblicato il 24/02/2019 02:51:55 - visite: 51) »

:: Il Centauro Nero (Pubblicato il 22/02/2019 20:37:14 - visite: 36) »

:: Giorni primari (Pubblicato il 20/02/2019 20:59:09 - visite: 52) »