Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 275 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 14 00:20:23 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

geometrica visionarietà

di Anna Laura Longo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/11/2017 16:22:55

 

Ho ricercato sempre, nella poesia, i contorni inaspettati e i profili magico-misteriosi, tipici di una scrittura in grado di allungare luci e di allungare ombre.

Personalmente sono propensa  a costruire una sorta di istantanea, ma geometrica  visionarietà, carnosa oppure febbrile. Credo del resto in una parola che non sia soltanto conciliante, ma che invece, come all' interno di una vicenda metamorfica, possa innescare - se necessario - una fertile turbativa.

Come gran parte dei linguaggi artistici anche la scrittura diviene così una vera e propria " pista di invenzione " ( pianeggiante o rocciosa ), dove si muove l' impegno per reinventare lo SGUARDO, in primo luogo, e più o meno obliquamente anche la lingua. La poesia fermamente richiede una sosta, per poter scovare barlumi, segmenti e sezioni di vita da circoscrivere e poi tra-scrivere. L' auspicio è che si possano trovare, volta per volta, delle calibrature nuove e degli sfondi  imprevisti e mutevoli, nella scrittura, in modo tale che la parola stessa possa dimostrarsi sempre più felicemente e facilmente abitabile. Mi riferisco ad una abitabilità vagamente eccentrica, non troppo confusa con le linearità e con le trame che caratterizzano le nostre pratiche discorsive. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »