Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 989 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 17 09:54:06 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Melanconia

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/10/2013 20:10:30

 

Melanconia

 

Madre di greve sangue, i’ arcipigro

gravame della terra, voglio dire

che cosa sono, e quali i miei poteri.

La bile nera io sono, come un tempo

si diceva in latino, e nei parlari

ed ora si ripete sulla terra:

nessuno, sai, nessuno mi conosce.

So scriver versi buoni, con l’aiuto

della follia, come quelli dell’uomo

che làsciasi guidar dal saggio Febo,

il padre d’ogni arte. E solo temo

che intorno a me si generi il sospetto,

sì, come se volessi perlustrare,

scrutare fisso spiriti infernali,

così ch’io annunci pria che venga il tempo

quello che ancor non è. Intanto sono

una poetessa e mia caduta canto

e canto quel ch’io sono e che non sono.

E questa fama vien da nobil sangue,

da spirito celeste, se esso aleggi

su me. Accendo allora gli umani cuori

come s’io fossi un dio, ed essi certo

vanno fuori di sé, cercando vie

più che mondane. Se qualcuno ha visto,

se mai qualcuno ha visto qualche cosa

per mano di Sibille e Pitonesse,

ciò avvenne grazie a me, grazie a me sola.

 

 

 

 

 

Paolo Melandri

21 ottobre 2013

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Alba di fiori (Pubblicato il 18/03/2019 21:26:24 - visite: 43) »

:: Il cerchio sacro (Pubblicato il 04/03/2019 21:39:18 - visite: 65) »

:: Inno olimpico (Pubblicato il 01/03/2019 21:48:33 - visite: 75) »

:: Nelle sale di Pergamo (Pubblicato il 01/03/2019 20:51:54 - visite: 40) »

:: Le statue (Pubblicato il 27/02/2019 23:10:35 - visite: 73) »

:: Testa di bronzo (Pubblicato il 27/02/2019 14:39:06 - visite: 56) »

:: Così quieta (Pubblicato il 26/02/2019 21:19:12 - visite: 72) »

:: Oracolo di Delfi (Pubblicato il 24/02/2019 02:51:55 - visite: 79) »

:: Il Centauro Nero (Pubblicato il 22/02/2019 20:37:14 - visite: 55) »

:: Giorni primari (Pubblicato il 20/02/2019 20:59:09 - visite: 68) »