Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 74 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 23 07:31:45 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il colore come accerchiamento

Argomento: Arte

di Anna Laura Longo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/04/2019 17:25:26

Il colore come accerchiamento

Riflessioni sulle pratiche artistiche di Erica Mahinay

                                                                                                                        di Anna Laura Longo

 

 

Si potrebbe provare a guardare a un dipinto – o più in generale al piano pittorico – come a una sorta di podere atipico, dotato di una precisa estensione “coltivabile “ e, più che altro, di una specificità di raccolto. E tenendo fede a tale presupposto arrivare facilmente ad affermare come l’esercizio intrepido del colore, a patto che sia determinante e intensivo, possa per l’appunto rivelarsi un prezioso e ultradegno raccolto.

Nella galleria T293, situata in via Ripense in Roma, sino al 27 aprile 2019, viene dedicata una personale alla statunitense Erica Mahinay, artista che sensibilmente invita ad attraversare un itinerario basato sulla densità e peculiarità di una gamma di colorazioni, proponendole e lasciandole vivere in forma di avvincente “accerchiamento”.

Nella serie di opere presentate un tentativo costante di esplicitazione va a muoversi di pari passo con una celebrazione del recondito. Il senso quasi declamatorio delle sue “apparizioni” e condensazioni  cromatiche si affianca dunque ad una vitalità del mistero, incombente e imperioso.

Il segno si fa ad ogni modo produttivo e nel complesso si viene sospinti, ma in parte anche affidati, al coraggio di un’evidente e stabile persistenza: “celebrazione offuscata della continuità”.

Siamo soliti consegnare un attestato di esuberanza alle gradazioni del rosso, caricandolo di energia espansiva e di dichiarata assertività. Tuttavia in questo caso potremo osservare come il carminio, il rubino, lo scarlatto e il quasi-bordeaux, si facciano precursori e in parte messaggeri di ombre, catalizzatori di una qualche forma di ambiguità, certamente tangibile, anzi in grado di delineare i margini di un’affascinante e labile segretezza.

La verità transitoria delle tinte prescelte vive – e si incunea- nella semitrasparenza di un materiale come la seta, in svariati punti esposta a un trattamento di sfaldamento, con conseguente apposizione di vernici e con un’emersione di fili e impronte digitali, dove la mano - appariscente corpo/presenza- si ritrova con fermezza a custodire il contrasto flebile tra l’esangue e il vitale, il consunto e l’intatto.

Le caratteristiche fin qui elencate inquadrano e “tingono” in qualche modo anche il tempo di sosta di colui che guarda e prova a spingersi gradatamente nelle declinazioni estese della visione, immergendosi al contempo nei meandri aperti e sfuggenti della percezione stessa.  Il risultato conduce, con libertà, ad un rilevamento di aspetti oscuri o parzialmente difformi e a una possibilità di scorgere tratti tipici dell’irrisolto. Essi riconducono inevitabilmente verso l’interessante problematicità  e complessità del gesto artistico, frutto di un’intima disposizione, in questo caso  valorizzata e iper-scandita in vista di una riconsegna di sé.

Qualcosa si potrà dire anche sull’uniformità del formato, che chiaramente svela un’attitudine di caparbietà, aspetto questo che lascia in fondo guadagnare un passo più che unitario all’insieme.

A suo modo, anche la parziale visibilità del telaio, presente in ciascuna opera, sottolinea un’esigenza di apertura ulteriore verso la ricchezza e i limiti del visibile o, più in generale, verso i confini eterodossi della visibilità stessa.

Il tragitto in definitiva, tra compresenze, similarità e sorprese, accentua il nesso e le congiunture possibili che si snodano all’interno di un discorso di densità di rapporti (rapporti che interessano le opere in primis ma, a seguire, la capacità di attivazione degli sguardi).

Forme interlocutorie, ma lontane da una vera traducibilità, quelle della Mahinay: quasi delle ridefinizioni o contrazioni spurie del tracciato dell’esistente. Vicissitudini pittoriche che giustamente provano ad essere esenti da uno spegnimento di vita interna.

 

Luogo: Galleria T293

Indirizzo: Via Ripense n. 6 – Roma

Periodo di permanenza: sino al 27 aprile 2019

Orari di apertura: martedì/ venerdì h 12,00 – 19,00; sabato h 15,00 – 19,00

Sito di riferimento: www.t293.it

e -mail: info293.it

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anna Laura Longo, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Arte ] Echi di crudeltà (Pubblicato il 08/03/2019 15:21:01 - visite: 103) »

:: [ Musica ] Per una mirabile ratifica dell’ esistente ( a M. Bertoncini) (Pubblicato il 02/02/2019 15:34:10 - visite: 184) »

:: [ Musica ] L’ insorgenza del suono (Pubblicato il 19/09/2018 18:49:22 - visite: 259) »

:: [ Musica ] Lembi di germinazione - Musiche con aculei (Pubblicato il 06/05/2018 15:27:19 - visite: 227) »

:: [ Musica ] Il coraggio della tenuità in Toru Takemitsu (Pubblicato il 06/02/2018 18:59:06 - visite: 241) »