Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1320 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 22 22:51:52 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Da due lire

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/12/2013 03:58:36

Stavamo a guardarci negli occhi

confezionando prismi marchiati a fuoco

sonnambulismi da buffoni ai rintocchi della chiesa

e la fanfara del dileggio conta poco

contaminando il vino nei bicchieri con annate di malavoglia

portate fuori condotta da strali senza resa

alle luci del mattino che per prime

abbattono a spallate la sua soglia

 

cantando le canzoni che fan più roca la gola

abbiamo perduto i minuti e anche le ore

a reperire immagini succulente

per non far morir la voglia

su una vela che non si gonfia e vola 

la sua ancella spaziale che non mente

e dice sempre a chi la prende

la sua strofa per le rime

 

e quindi abbiamo fatto l'amore sulle scale

prendendo in giro tutto il resto

che non fosse un campanile

che rintocca il bisogno di consumare quell'amplesso

ai quattro venti trasaliti dal freddo

di questo immenso cimitero chiamato addio

ma è un addio che non vale

perchè mai ci lasceremo per davvero

saccheggiare da questi tempi infranti

 

staremo attenti a non portare fiori finti sulle tombe

e le nostre sponde non disubbidiranno ai mari

che le consegnano ai naviganti d'occidente

come fossero guance d'accarezzare

ma di notte il giorno è sempre un po' più scuro

e la morsa stringe anche i salari

 

ma ho avuto momenti di gloria

in cui ho bevuto birre da sette euro la bottiglia

toccato seni alla vaniglia

camminato sulle acque senza essere Cristo

bruciato la mia croce tra i rosari

predetto il futuro a mio padre

regalato la sottana di mia madre 

alla meretrice che ancora non mi partorisce

perchè ha altre cose da fare

e il suo turno di riposo ancora non finisce

 

un bacio dato in contumacia per la gioia del pretesto

che non essere presenti a sè stessi

sia una cosa da cui ricominciare

ci ha consentito di essere tristi più di quanto

non fosse lecito pensare data la nostra fede

nel comunismo biforcuto della trebbia 

 

questa rabbia bastarda è una lupa senza prede

da riportare a casa per cena 

evitando le lame delle trappole

e i cuccioli ventre gonfio muoiono di fame

sulla mia tempia sinistra pulsa forte una vena

esco volentieri di scena

prima che venga il mio turno di dire cos'è la verità

 

se tutto mi uscisse se aprissi del tutto i cancelli

i pensieri impugnerebbero rastrelli

per raccogliere foglie e sterpi per il rogo

nel giardino di qualcuno

scusate se mi sfogo ma quando mi sfogo

non ho voglia di chiedere scusa a nessuno

nemmeno a te che mi sei vicino

e hai fatto del tuo abbraccio una vigna

in cui essere entrambi trattori

che il vino più è buono e più non ha pietà

 

proprio come te

 

c'è che dice che son morto malato

e comunque non torno normale

senza nulla volere in cambio

gli regalo una bestemmia per Natale.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 22) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 47) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 49) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 63) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 49) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 59) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 53) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 65) »