Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1004 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 19 19:38:55 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Barista o partigiana dell’oblio

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/02/2014 03:13:07

Ad appannare i ministri adibiti a fremiti a frantumi di vetri sottratti

costellazioni di gemiti e vapori, denti scheggiati da frutti maturi o acerbi 

verdi di sorridenti primavere a indossare gli abiti e prima la languida carezza 

della seta diventata nastro astro d'argento, nel riflesso di un barlumle scontato

e poi fattasi lino e cartapesta a consumar la sala in lunghi passi in punta di piedi,

i talloni a spron battuto sulla sedia della cucina a mezzogiorno, sfatato il mito

del fossato, dicevo, ad appannare, speronammo i coccodrilli lasciandoli sgocciolare dalla finestra buona per gli inchini.

I tuoi seni mesopotamici fatti a bella posta, asole di giara nuda, fanno più fresche le mie labbra di una pinta se questo è il codice di una tregua allora berne a fare terra bruciata dell'invito a bere e diseredare la bocca da tutto quello che le appartiene per declinare gli altri inviti. Mi metti sete e mi riempi il bicchiere direttamente dai calici neri dei tuoi occhi e non mi estinugi mai non ti lasci trapassare e canti ancora alla riscossa 

di quanti colori hai tinto la tua bandiera.

Frastornato da un' apocalisse da camera ho visto scendere l'anima nel labirinto 

dall'alto stremato l'archetipo ho dato fondo alla costatazione amichevole in un lutto nero abbandono d'altre voglie sul foglio bianco omessa la premessa allo stato brado del suo esistere per gioco e mistificare la firma in calce con un atto rapace contorsionista di prematura fissione anatomica.

Le tue parole cara leonessa senza prole date in pasto alla legione dei sobborghi hanno riempito il bancone di saltimbanchi del primo impeto, un secondo impero tutto da ridere.

Salita la bomba in quanti ti vorranno ancora sedotta e abbandonata all'ultima sponda fermata del tram stazione senza tulipani gradassi dall'ira su rotaie per questo meno sincera di una coltellata ma molto più di una pacca sulla spalla?

Ecco brava, fa le fusa aromatiche, incentiva la solita resa dei conti, passa lenta una fila di spose in cerca del natale ed io dopo dieci come sempre smetto di contare.

Barcollo ma non mollo, fanculo dov'è il bagno? Partigiano dell'oblio.

Lo sgabello scosceso a dorso di mulo scollato come il tuo vortice di ambrata parsimonia due lune fluide sotto i capezzoli un solo nesso con il cielo, il divenire mistico di un'immagine.

Il conto lo fai tu a me o mi lasci la mancia?

Dipende dai giorni, li sfoglio come petali su una dorsale atlantica.

D'imbrunire sedotto, la più vicina uscita.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vele d’altura (Pubblicato il 14/09/2019 01:51:47 - visite: 33) »

:: Un passaggio di stato (Pubblicato il 14/09/2019 01:34:25 - visite: 29) »

:: La fine di ogni principio (Pubblicato il 14/09/2019 01:20:54 - visite: 24) »

:: Chirù (Pubblicato il 13/09/2019 01:20:05 - visite: 34) »

:: Vita di coppia (Pubblicato il 04/09/2019 16:08:39 - visite: 57) »

:: Silenzi (Pubblicato il 27/08/2019 15:51:05 - visite: 39) »

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 52) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 48) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 76) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 61) »