Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 984 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Aug 16 06:30:31 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pinoculus

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/03/2014 04:55:08

Ora basta, si produsse in verdi trine il grillo parlante e belava la pecora scissionista fuori dal balcone ma io pretendevo lo stesso il tiro della discordia 

come fosse una procedura di grazia dovuta al condannato a morte

ultimo desiderio prima di andare a far la nanna in cortile o sulla soglia dell' io grande o del non ritorno.

Ti fa male più del bere ti sei staccato quasi una mano l'ultima volta

Lucignolo non sai nemmeno quanto vi amo

quando vi guardo in piedi, le mani incrociate dietro la schiena ad uso di mio padre,

dall'altra parte del mondo, fare le vostre mosse non avendone il controllo.

I colori cambiano continuamente

ed io semplicemente li depongo sul greto degli occhi asciutti

uno strale per volta piano perchè non mi prendano fuoco.

Dice fa, che vedevi, il gatto

io ma col corpo di Alanis Morisette viaggiare nello spazio

in uno strano modo e sentir freddo da ardere e caldo da cristallizzare

ma sopravvivere ed assistere a lo svelarsi dei misteri del cosmo

come a milioni di rose che si aprono all'unisono... tutte in una volta...

non siete pronti per questo

e giù a ridere

Ma con le voci no, con le voci non si scherza di qua dal guado.

A prescindere dalla scissione bicuspide dell'atollo lavico

del mio cuore, sento che qualcosa si muove nei bassifondi del petto

argine al lutto ultimo, segreto serrato nel doloroso crescere

che come sapete porta lacrime di altra natura, che disumana sia

non è più vertigine dai tempi in cui sospettosi si scendeva a piedi nudi dal letto

per paura che qualcosa da sotto potesse ghermirli

affilati artigli (di fantasia) di bambino.

La volpe alza il tiro, chiama in ballo il destino come fosse il quarto uomo che mancava per il poker

perdo facilmente il filo a questa lama ecco perchè non rispondo

spaccare il capello in quattro è l'unica cosa che valga 

una parte al cielo che mi compie come goccia d'acqua; una parte al tuo ventre equinozio di mille primavere non una di più; una alla musica custode; e una a mia madre, la più piccola ma che pur ne sappia qualcosa di questo cammino spaccato accartocciato su se stesso a doppio nodo, non c'è sole che sciolga.

Com'è difficile la vita se non reggi il minimo e la frizione ha troppo gioco.

Per abituarti a che finisca prenditi tutto il tempo che ti serve nel mentre poi finisce.

Surrogato a tempo di record

di un feroce addio.

C'è ancora gente felice di essere viva, chi lo mette in dubbio

che non me ne vogliano la mia psicologa e la mia psichiatra (due femmine)

se non sono felice per loro

deambulo a fatica nella nebulosa del Miglio

ancora cosparso dell'aprile nevoso di quel millenovecentosettantasette

quando i cardini non erano ancora e non erano mai, dolorosi per le porte. 

Quisquiglie per le palpebre prese al laccio dai rodei del caos

che sarebbe stato qualunque uomo fatto carne.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 21) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 47) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 49) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 63) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 49) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 59) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 53) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 65) »