Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1033 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 2 05:54:26 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non vantarti troppo

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/05/2014 17:40:58

 

                                                               Powered by Sick Tamburo

 

 

Prova a entrare nella mia stanza

sempre da sola

-contro il cielo io lancio bestemmie 

a caccia di qualsiasi dio-

secondo me ci vuole più coraggio a fare il poeta che ad esserlo

mi disse la ghiandaia che più non vola infilando perline

-mi ucciderai con le tue mani sporche-

ringhiere, astucci di clavicole a limitare lo spazio

rendendolo comprensibile alle braccia che fanno leva sulle

ah quanto mi tira questo salto!

Ti è mai capitato? Dice allora fallo.

Il tettuccio della Panda mi chiama più dell'asfalto

a Londra quale fiume sotto al ponte aveva la stessa voce?

Sogno un incidente stradale

come tu sognavi di essere un'indovina

vedere come ride la Luna.

La mia passione per le lame

giustifica i tagli

magro il bilancio dei polsi a questa falce

balla cherubino la danza della morte!

Il dolore fa il talento, lo dice un tale

cui comunque non avresti dato credito

mi risparmio di farne il nome

e lascio libere le gambe

forse qualcuno vuole leggere nel mio cuore

forse mi hanno insegnato la paura

cosa ho provato lo sai?

La mia identità

toccami ancora come sai fare

com'è profondo il mare

a densità limitrofe

che la mia parte non mi reciti

per le verdi tossiche terre, palchi alla deriva

teatri tetri d'industria

preferisco sortilegi balcanici e cappelli colorati

i forti figli del Gagarin.

Proviamo a proiettare per un attimo 

la superficie delle cose su questo sfondo rauco:

solo la fortuna viene dalla Luna

tutto il resto è più che naturale

se preghi o se non preghi, se fai l'amore solo

se ti fai o non ti fai.

La potenza del mio cosmo immenso deride gli assilli

del misero mio corpo!

Ecco le mie cicatrici per il tempo ch'è passato

e me ne faccio un vanto degno di me

voce tra le voci, umane sovrumane.

Guarda, i fiori che m'hai donato sono appassiti

presto li getterò prima che muoia ancora

catarsi di un'esplosione nucleare.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Fuori scala (Pubblicato il 04/06/2020 02:11:44 - visite: 32) »

:: Cornetti alla crema (Pubblicato il 23/05/2020 00:57:13 - visite: 35) »

:: Guerre stellari (Pubblicato il 19/05/2020 00:51:08 - visite: 45) »

:: La bellezza autonoma delle cose (Pubblicato il 18/05/2020 02:05:42 - visite: 44) »

:: Constatazione standard (Pubblicato il 06/05/2020 12:26:04 - visite: 66) »

:: A notte fonda (Pubblicato il 11/04/2020 01:33:29 - visite: 112) »

:: Comuni passanti (Pubblicato il 10/04/2020 04:18:51 - visite: 77) »

:: Deriva (Pubblicato il 26/03/2020 09:51:59 - visite: 115) »

:: Poco altro (Pubblicato il 15/03/2020 02:23:45 - visite: 161) »

:: Merce di scambio (Pubblicato il 08/03/2020 01:19:24 - visite: 111) »