Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 920 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 29 17:58:11 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La parabola del salto

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 16 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/08/2014 03:37:33

La parabola del salto

di uomo in Cristo

la compie il cavallo ad ogni ostacolo

se nasci amazzone

-in memoria di me a traduzione di nerd-

disarcionando di continuo percezione

e senso del reale

ad esempio la preghiera aiuta di per sè

o devi sapere chi pregare?

La notte fonda sfondata dalla luce del giorno

dove incontra lo spazio tempo 

del suo divenir destino che si compie?

La ruota gira

lo stesso raggio 

velocità diverse

in relazione alla distanza dal centro

di ogni singolo segmento in cui puoi scomporlo

il patto è che tutti insieme compiano lo stesso numero di giri

ma una parte deve essere per forza in anticipo sull'altra

e pure a vederle si muovono contemporaneamente

sono un unico pezzo 

la magia la fanno gli occhi o sono pazzo o solo ignorante?

Sono io che faccio le domande.

Se la velocità aumentasse a dismisura 

ma il centro rimanesse saldo

le parti più vicine al centro potrebbero ancora rimanere agganciate

ma quelle esterne si staccherebbero:

fuggone le idee la fuga delle idee verso un futuro solitario

lo sanno bene gli acceleratori di parti-cellule.

E poi quando meno te lo aspetti

trovi l'Amore perduto sul cammino

della tua vita che incombe sulla morte

non è detto che sia il contrario..

la mia Musa e uno Schnauzer gigante.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 16 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Schiena dritta (fosse facile) (Pubblicato il 22/02/2019 05:28:04 - visite: 11) »

:: Esproprio di idee (Pubblicato il 22/02/2019 02:05:04 - visite: 11) »

:: Alleati! (Pubblicato il 21/02/2019 04:59:58 - visite: 13) »

:: Promessa con promessa (Pubblicato il 20/02/2019 00:58:53 - visite: 24) »

:: Salomè (Pubblicato il 16/02/2019 04:10:38 - visite: 42) »

:: Deduco da una frase del Vangelo (Pubblicato il 14/02/2019 21:44:41 - visite: 43) »

:: Di un eterno abbandono (Pubblicato il 02/01/2019 23:06:33 - visite: 70) »

:: Condannate a morte un innocente (Pubblicato il 28/11/2018 01:40:49 - visite: 116) »

:: Premio di consolazione (Pubblicato il 25/11/2018 18:05:01 - visite: 80) »

:: Immaginiamo (Pubblicato il 20/11/2018 08:12:19 - visite: 71) »