Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 635 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 21 14:30:30 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Senza di te, Lia

di Nicola Lo Bianco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/09/2014 12:18:45

SENZA DI TE LO VEDI STIAMO QUI

 

Non era questo che ci aveva promesso il tuo cuore

di abbandonarci così come anime in pena siamo di colpo

tramortiti in piedi di fronte al tuo corpo immobile

non riusciamo a convincerci facciamo e rifacciamo

i conti della vita non tornano i pensieri dei buoni

rimangono senza risposta.

 

Intanto come che sia la vita continua (è vero)

ma il fatto è che tu fra noi più non ci sei

il fatto è che solo nella memoria ora si assommano

le tue rigogliose parole le ragioniamo ad una ad una

adesso come allora dacci un segno che non tutto è perduto

senza di te lo vedi stiamo qui a balbettare l'assurda

preghiera di ritrovarci insieme scegli qualunque giorno

di primavera è tutta fiorita la nostra mimosa ci ascolta

d'estate i fichi sono maturi balliamo i cani sono felici.

 

Un inverno mai visto a Erbavusa tutto è cambiato

veniamo lungo la strada pronunciamo in silenzio

il tuo nome si posa benefico sopra ogni cosa giriamo

lo sguardo piangiamo i nostri giorni con te sono finiti

i gelsi di primo mattino il pane caldo condito sul terrazzino

la vite germoglia la trama d'amore dei tuoi pensieri

ha messo discrete radici per fare più bella dentro di noi

questo fantasma di vita insensata senza risposta ai tanti

perchè proprio quando dovevi raccogliere i frutti ci lasci

a vaneggiare aspettiamo ad accendere il fuoco che viene Lia

sì sì aspettiamo

sino alla fine dei nostri giorni

e così sia.

 

NICOLA LO BIANCO

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Nicola Lo Bianco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Cristofalo (Pubblicato il 09/02/2017 11:49:55 - visite: 413) »

:: il grande amore perduto (Pubblicato il 26/01/2016 18:17:49 - visite: 485) »

:: nell’attesa (Pubblicato il 24/09/2014 18:16:17 - visite: 561) »

:: Cristofalo, II strofa (Pubblicato il 24/09/2014 12:35:28 - visite: 489) »

:: Aspettami (Pubblicato il 14/06/2014 08:26:47 - visite: 758) »

:: Aspettami (Pubblicato il 14/06/2014 08:25:10 - visite: 405) »

:: Nell’attesa (Pubblicato il 09/11/2013 11:17:23 - visite: 799) »

:: In risposta ad Alda Merini (Pubblicato il 25/10/2013 11:30:13 - visite: 928) »

:: Pupetta, affacciati (Pubblicato il 03/06/2013 17:42:39 - visite: 865) »

:: Salvo, io orfano sono (Pubblicato il 13/05/2013 18:55:28 - visite: 1014) »