Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 528 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 10 16:13:49 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Che belle le mollette colorate!

di Luciano Rosario Capaldo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/06/2015 10:17:28

                                  

 

 

                                                       

                                        Che belle le mollette colorate!

  

Certo che le mollette per i panni

ne hanno da raccontare!

Ricordo mia madre utilizzare

quelle di legno.

Spesso, la pioggia le inumidiva

fino a deformarle.

La corda ,così comunemente chiamata,

a volte era di ferro imbrunito ed appesi

vi erano abiti da lavoro, calze rammendate,

qualche camicia bianca. Pochissima roba!

Ah, erano anni difficili quelli!

Piccole case, pochissimi mobili,

letti singoli con reti metalliche,

bambini già ragazzi in pantaloncini corti.

Cappotti rivoltati e abiti passati da un fratello all’altro.

Odore di sugo……….la domenica!

un lavatoio di pietra in casa ed una donna

strizzava i panni attorcigliandoli con maestria

rendendoli  pronti, poi,

per quelle mollette di legno.

Che bella la semplicità!

Il progresso ci ha poi portato la plastica.

Moplen era un famoso Carosello del boom economico .

Le mollette di legno affiancate da quelle

più moderne e un po’ colorate.

Anche i panni appesi cambiavano.

Qualche camicia in più, magliette ,maglioni

pantaloni ed ancora tute da lavoro con marchio di fabbrica però.

L’industria creava anche il lavoro di concetto

ed un modo di vestire diverso.

Qualche gilet, qualche polsino o collo di ricambio .

Ma le mollette erano sempre lì.

Appese ad ognuna di loro il nostro

quotidiano e la speranza del nostro futuro.

Sventolavano   i panni ormai puliti

e lavati delle macchie di ognuno di noi!

Oggi sono sempre più le mollette e sempre più colorate

Sono sempre più i panni da stendere

Sono sempre più le nostre macchie.

Abbiamo sostituito l’unto di grasso

con il grasso che cola!

Ma per le mollette non c’è differenza fra bianco e nero

fra assassino e no, fra uomo e donna.

Se imparassimo anche noi ad essere come le mollette!

Senza discriminare o giudicare

ma ,limitarci a fare il nostro mestiere

di mollette del mondo,

tenendo ben stretti senza farli volare via

i nostri ideali di pace , d’amore e di carità,

lasciando invece scappare il cinismo

e la rincorsa al potere ,al danaro;

forse e dico forse avremmo un Mondo più pulito!

 

Luciano Capaldo 17 giugno '15


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luciano Rosario Capaldo, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.