Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 789 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 21 23:03:30 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

All’ altezza di uno dei due cuori

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/12/2014 02:59:14

Coricata sul lato del declino

se ne sta la mia ombra mortale

piedistallo le è il mattino

finchè la voglia non l' assale

di un equilibrio più divino

del semplice resistere

all' oltraggio timido del tempo che scorre

le sue vene d' Achille

a metafora del fiume che piango.

 

I tuoi capelli in autunno

corrompono il vento

che promise che non li avrebbe accarezzati

prima che la mia mano non fosse guarita per farlo

con la stessa irridente dolcezza

sua e del primo sguardo che tradì empatia

come un volersi bene senza bisogno

del confine della pelle ma a sua misura

prima che le distanze mi maledissero per sempre

ai margini della storia che continuo a scrivere

per sognare ancora e risvegliarmi adulto

senza alcuna vittoria che restarmene muto

di fronte a tanta sfrontata bellezza

libera da tutto tranne che da se stessa

ed essere capito perchè privo di sensi.

 

Per sempre è un concetto che ti sfugge amore mio

è un pensiero che non culli per intero

se la notta è lunga e la paura che si svegli in te

basta a farne a meno.

Ma la mia mente non ha clessidre

che non siano rotte 

almeno all' altezza di uno dei due cuori

da cui scappino i disertori dei cicli

in materia di gocce e granelli e idee

e loro continue processioni

ginnasti stanchi della disciplina delle capovolte

animatori sonnambuli della rivoluzione.

 

Per ospitalità nei miei segreti

lascia ancora che parli dei tuoi occhi

di come sanno ridere del buio

quando si chiudono alla luce

o non chiedono perdono alla fine dei miei giorni

un ultima volta

prima di ancora, prima di altrove.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Una giornata di mare (Pubblicato il 18/05/2019 18:05:33 - visite: 26) »

:: Confidenze (Pubblicato il 14/05/2019 01:17:27 - visite: 24) »

:: Cieli d’ordinanza (Pubblicato il 12/05/2019 22:17:06 - visite: 29) »

:: Prototipo Permanente Naif (Pubblicato il 12/05/2019 03:25:23 - visite: 22) »

:: In pegno (Pubblicato il 10/05/2019 00:51:42 - visite: 23) »

:: La triangolazione del quadrato (Pubblicato il 07/05/2019 00:31:54 - visite: 40) »

:: Sotto la gonna (Pubblicato il 06/05/2019 00:30:51 - visite: 45) »

:: Tarantelle (Pubblicato il 05/05/2019 02:24:35 - visite: 23) »

:: Macchinazione (Pubblicato il 02/05/2019 01:53:30 - visite: 29) »

:: Dall’addio (Pubblicato il 01/05/2019 02:17:47 - visite: 35) »