Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1203 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 1 21:13:29 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Identificazione Biometrica

Argomento: Letteratura

di Ninnj Di Stefano Busą
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/07/2012 17:04:51

di Ninnj Di Stefano Busą

 

Una personalitą poliedrica e preparata, una penna che sa dosare e ritmare in forma di scrittura la condizione dell'esistente e dell'assente che, dalla sua dissertazione, prende forma "biometrica"appunto, come lui stesso titola il suo volume.

La scrittura e la poesia di Mario Lunetta sono il contrario del lirismo affabulante e mieloso: vi si riscontra una poetica affilata, tagliente, presente che mostra appieno la societą scardinata e impotente di una generazione in declino, paranoica e multimediale, basata sulla precaria condizione del genere umano, votato ad un ultramodernismo smisurato, quanto privo di connotazioni interiori, di assenze valoriali, sterile e incompiuto, di un tecnologismo sofisticato, ma arido, fatto di misure aliene al vivere civile, sottoposte ad attriti, a sforzi, a conflitti, a disuguaglianze, a disordini invero inamovibili, con una scarsa o nulla propensione a rimuovere alcunché, che possa imprimere una sterzata di veritą, di giustizia, di superamento sociali e umani. Una societą e umanitą, le nostre, drammaticamente povere in spiritualitą. Infatti, "in interiore homini" vi appare come una forma aliena di protagonismo irreversibile: una societą slabbrata, inadeguata ad una vita senza qualitą superiori, ma indifferente all'azione, inconsapevole del suo inenarrabile "seccume", pur ammetendo l'arsura in cui č immersa, e di cui č la prima forse a riconoscerne l'esacerbata sterilitą, l'impreparazione a porvi rimedio  e ad avvertire qualsiasi forma di realtą viva e fisiologica. Viviamo in un limbo in cui si sente pericoloso il dominio delle forze avverse, ma si č incapaci di reagire, di apportare una correzione di rotta alla nave in deriva. un mondo che sopravanza in pigrizia e nel sonno riparatore di una amorfa e ignava raffigurazione dell'essere in profonda mutazione di sé e da sé. Una focale enucleazione dei motivi che soggiacciono al pragmatismo dei sentimenti, degli affetti valoriali dell'uomo, una perseveranza all'inerzia che fa rischiare l'implosione in sé.

Mario Lunetta ingloba un pensiero forte, ammonisce e addita spesso responsabilitą dell'uomo vanaglorioso e vacuo, perso in un mondo irreale, da cui non puņ che adeguarsi ad una incongrua situazione di stallo della civiltą, di necrosi quale esito di un fallimento culturale e umano che ha determinato lo svilimento e l'anarchia di un periodo storico tra i pił difficili e mistificatori sul piano culturale della specie.

La scrittura di Mario Lunetta č il cuore pulsante del suo sentire in controcorente, attraverso una potente rimozione dell'omologazione colletiva, che in poesia č ben lungi dal dare risultati autentici, perché, come bene afferma lo scrittore, ne diviene il perpetrare di un male supremo di degenerazione non solo linguistica, che non dą scampo alla visione d'insieme e cresce a danno di un mondo, che si ravvisa estraneo alla logica, all'autoconsapevolezza, alla dottrina e libertą di pensiero e d'intelletto.

Infine si estenua l'idealitą del vissuto, perché non corroborata da forze vitalistiche al bene e al giusto. In uno dei suoi affondi, il poeta Lunetta afferma che le parole "sono ordigni esplosivi a tempo" (Depistaggi pag.4), proprio a significare il genere di miccia  o di polvere che innesca il dramma di un mondo in disordine, divorato dal "sistema" inerme, che non fa nulla per ottemperare a rimedi o rendersi immuni dalla drammaticitą invasiva e pervasiva che incombe.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Ninnj Di Stefano Busą, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puņ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pił vai alla pagina personale dell'autore »]

Ninnj Di Stefano Busą, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Ennesimo intervento sul tema: La Poesia (Pubblicato il 13/01/2015 16:57:03 - visite: 871) »

:: [ Letteratura ] La realtą del dolore (Pubblicato il 10/03/2014 11:08:01 - visite: 1104) »

:: [ Poesia ] Campo Lungo (Pubblicato il 24/02/2014 10:47:44 - visite: 1035) »

:: [ Letteratura ] Veritą come prassi o come categoria? (Pubblicato il 11/02/2014 10:12:44 - visite: 935) »

:: [ Libri ] Nella Sicilianitą il grande merito dell’Editoria S (Pubblicato il 10/02/2014 09:21:24 - visite: 1012) »

:: [ Letteratura ] di Rescigno il racconto infinito (Pubblicato il 25/01/2014 17:59:00 - visite: 1097) »

:: [ Poesia ] Eros e la nuditą (Pubblicato il 12/01/2014 10:10:02 - visite: 1206) »

:: [ Letteratura ] Cuore spaccato (Pubblicato il 23/11/2013 09:40:27 - visite: 1076) »

:: [ Sociologia ] La crisi della Chiesa va di pari passo con la cris (Pubblicato il 28/08/2013 11:06:24 - visite: 1224) »

:: [ Poesia ] Il passato č un luogo lontano (Pubblicato il 22/08/2013 21:26:09 - visite: 1258) »