Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 3401 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 16 04:32:57 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La terra santa

di Alda Merini 

Proposta di Franco Bonvini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/06/2016 23:21:39

Ho conosciuto Gerico,
ho avuto anch'io la mia Palestina, 
le mura del manicomio 
erano le mura di Gerico 
e una pozza di acqua infettata
ci ha battezzati tutti. 


Lì dentro eravamo ebrei 
e i Farisei erano in alto 
e c'era anche il Messia 
confuso dentro la folla: 
un pazzo che urlava al Cielo 
tutto il suo amore in Dio. 


Noi tutti, branco di asceti 
eravamo come gli uccelli 
e ogni tanto una rete 
oscura ci imprigionava 
ma andavamo verso le messe,               
le messe di nostro Signore 
e Cristo il Salvatore. 


Fummo lavati e sepolti, 
odoravamo di incenso. 
E, dopo, quando amavamo, 
ci facevano gli elettrochoc 
perchè, dicevano, un pazzo 
non può amare nessuno. 


Ma un giorno da dentro l'avello
anch'io mi sono ridestata 
e anch'io come Gesù 
ho avuto la mia resurrezione, 
ma non sono salita ai cieli 
sono discesa all'inferno 
da dove riguardo stupita 
le mura di Gerico antica.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franco Bonvini, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Diu al ghè (Dio c’è) , di Cesare Zavattini (Pubblicato il 04/06/2018 21:24:03 - visite: 285) »

:: Allegria , di Pedro Salinas (Pubblicato il 11/01/2018 23:35:44 - visite: 871) »

:: da Le Madri non vanno in paradiso , di Alda Merini (Pubblicato il 31/12/2017 22:14:40 - visite: 411) »

:: Pensiero, io non ho più parole , di Alda Merini (Pubblicato il 23/12/2017 16:24:21 - visite: 349) »

:: Dalla “Vita di Maria”: L’annunciazione , di (Pubblicato il 18/12/2017 18:31:42 - visite: 360) »

:: Sorgiva , di Amina Narimi (Pubblicato il 14/12/2017 00:05:00 - visite: 299) »

:: La piuma , di Tonino Guerra (un bambinissimo) (Pubblicato il 12/12/2017 23:53:43 - visite: 457) »

:: Guardo molto a lungo il corpo di un poema , di Ana Cristina Cesar (Pubblicato il 07/12/2017 20:23:25 - visite: 309) »

:: Stasera ho pensato di insegnarti questo , di Carla Lebowski Cavallini (Pubblicato il 28/11/2017 00:27:53 - visite: 563) »

:: Dopo un tale piacere , di Julio Cortazar (Pubblicato il 19/11/2017 12:19:23 - visite: 398) »