Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 663 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 15 21:20:08 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mother do you think

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/04/2015 00:21:18

Qui finisce la morte

come in fondo si merita

dinamica:

il mio corpo perde anima

ad ogni ricorrenza.

Passeggera di un raggio di sole

vuole andare altrove sia possibile

scordarsi dei mie fallimenti

c' è sempre una madre che me li ricordi

con le sue rughe tridimensionali

quante ne ho scolpite con le mie mani?

I capelli nudi, le unghie vestite

di specchi d' avorio.

Sei venuta in camera mia

con quel coraggio che ti ha resa schiava dei tuoi bisogni

a pregarmi di risparmiare almeno questa porta

dopo che le ho sbattute tutte in preda all' ira

per essermi scordato chi fossi prima di morire un' altra volta

ai miei respiri, ai tuoi abbi fretta di tornare in forze

per un lavoro stratagemma del nostro pane quotidiano

che mi vide servo tra i servi per qualche giubbotto di pelle

che non mi va più e un mezzo di locomozione secondario.

Ti porterò a mangiare il pesce il giorno del tuo compleanno

con i soldi dell' affitto e la pensione d' invalidità 

un sorbetto al limone a sancire un patto di non belligeranza

per i prossimi tre furti d' identità

ipoteca sul futuro di una guerra tutta ancora da combattere

e mi dirai fossi morta io al posto di tuo padre

avresti avuto più coraggio a vivere

ma io sono proprio come lui

fossimo rimasti soli noi

non avremmo avuto più speranze

di un' ultima preghiera

quando la vedi nascere già prigioniera

nel campo di battaglia con gli occhi del cecchino.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Schiena dritta (fosse facile) (Pubblicato il 22/02/2019 05:28:04 - visite: 11) »

:: Esproprio di idee (Pubblicato il 22/02/2019 02:05:04 - visite: 11) »

:: Alleati! (Pubblicato il 21/02/2019 04:59:58 - visite: 13) »

:: Promessa con promessa (Pubblicato il 20/02/2019 00:58:53 - visite: 24) »

:: Salomè (Pubblicato il 16/02/2019 04:10:38 - visite: 42) »

:: Deduco da una frase del Vangelo (Pubblicato il 14/02/2019 21:44:41 - visite: 43) »

:: Di un eterno abbandono (Pubblicato il 02/01/2019 23:06:33 - visite: 70) »

:: Condannate a morte un innocente (Pubblicato il 28/11/2018 01:40:49 - visite: 116) »

:: Premio di consolazione (Pubblicato il 25/11/2018 18:05:01 - visite: 80) »

:: Immaginiamo (Pubblicato il 20/11/2018 08:12:19 - visite: 71) »