Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 558 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 15 04:59:49 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Appena fuori dagli occhi

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/04/2015 00:59:16

Tanto piccolo da non essere spiegabile

il sapore delle fragole

lei che prova a dare un calcio a un tappo

e le vola via una scarpa

dove l' erba è più alta

e intorno noi ci mettiamo a ridere

come non fossimo distratti

dai pensieri tra le dita, tra la vita e la morte

in un gioco di rimandi

che ci guarda trasalire.

Quanto vivere è morire?

Quando l' aria poi rimane sui germogli della sera

che passa vera dalle ombre ai corpi in controluce?

Tutta nostra, solo nostra

è la materia del contendere

uno squilibrio un vortice

un segno della croce in guerra e in pace

che tardiamo a immaginare

per il gusto fatto ad arte del peccato.

Dalle cose che non vediamo ancora

è fatto il mondo che ci aspetta

appena fuori dagli occhi

in frazioni di secondo

sembra si componga da solo

ma siamo noi che lo facciamo 

da milioni di anni

senza mai chiedergli perdono.

I nostri sbagli a corollario di produzioni industriali

di sensi usati a fini di comando

purchè rimanga segreto alla corte delle masse

e ci indichino loro il nostro destino

mantenerli all' esercizio del potere

per tutto il tempo necessario

a perfezionare dinamiche di controllo dell' Io.

L' amore a cosa serve mio Dio?

Se non a uscire dalla gabbia degli schemi mentali

che viene calata sulle nostre teste?

Per vivere davvero la dimensione d' infinito.

Allora è nelle cose più piccole che vai in cerca di te stesso

se hai tempo da perdere

e alcune indicazioni di massima

che non hai ancora capito.

Compagna ti sia la musica.

Perchè sarà un lungo viaggio 

per tornare fino al punto di partenza.

Da dove venimmo tutti

quando non sapevamo fare niente 

tranne le nuvole per diluvi universali

e il morto a galla con coraggio.

Ancora spera

e non si vuol convincere che è bello vivere da soli

perchè ci sono troppe stelle nel cielo

perchè sia un caso pieno di errori

cadenti di passaggio

e l' alba e il tramonto e il vento in curva est

e il vino e la neve 

in miraggio ci si turba per le streghe?

Qualche volta vale la pena avere voglia di vincere

anche al prezzo di rendersi ridicoli

chè la posta in palio è sempre tutto

anche quando ti sembra di meno

è questione d' abitudini.

Ma se prendi il treno dell' amore

devi ammettere che è comunque un viaggio di lusso

per quanto tu possa essere cinico

rispetto agli spostamenti tradizionali.

Per prendersi il tempo per fare tutto

prendersi tutto per fare il tempo

come fanno gli animali

nelle fiabe di Narimi.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 21) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 47) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 49) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 63) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 49) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 59) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 53) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 65) »