Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 769 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 25 09:29:20 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sproloquio

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/04/2015 04:31:27

Da un lato si trasforma

piange la vittima

dall' altro rimane asciutto

e guarda il mare

in segreto prega che il suo dio sia più buono

di quello che hanno pensato per questo mondo

è un sistema di controllo

che spesso abusa del suo potere

il paradiso nel cielo che non ci puoi arrivare

ma è bello da guardare per poter fantasticare

e l' inferno sotto terra che fatica scavare

senza sforzi d' immaginazione

ma t' insegnano la pala

come si fa coi cani a non sporcare in casa.

Per vedere nel modo giusto

devi trovare uno stato di forma

allora quello ti pare brutto

e quell' altro ti pare bello

con la giusta convinzione

per poter sopportare lo shok di essere venuto al mondo

che c' hai quasi quarant' anni

e ancora non ti abitui

e ognuno vede le cose a modo suo

a complicare le cose

che è un miracolo capirsi.

Se c' è di mezzo un mezzo

allora il fraintendimento è all' ordine del giorno

e ci si affida alla modalità di utilizzo più comune

che spesso è la più comoda

e non è detto che sia la più giusta, la migliore

per poter veicolare uno scambio d' informazioni

ad alta definizione.

Il messaggio si nasconde dietro le quinte

del teatro mediatico.

Se il mezzo ha dei padroni

è lecito immaginare che abbiano tutta l' intenzione

di privilegiare quanto meno le dinamiche di utilizzo del mezzo

che contribuiscano a garantire la loro permanenza

nella condizione di padroni del suddetto mezzo.

In questo senso è ridicolo parlare di democrazia

in caso di conflitto d' interessi.

l' interesse principale dei padroni è di restare tali

poi viene quello consequenziale di voler possedere sempre di più.

In caso si perdano nel frattempo alcune delle cose possedute.

Pensaci, di che sei padrone tu?

L' espansione si.

Ci sono certi elementi che sarebbero disposti a tutto 

pur di non perdere il privilegio del posto auto riservato sotto casa

immaginiamoci per una cifra enorme di denaro

o il potere di decidere le sorti di uno stato

o la piega che prenderà l' essere umano.

Si fosse usato un derivato della canapa

come carburante per gli automezzi

oggi chi ci avrebbe guadagnato e chi ci avrebbe perso?

Fonti rinnovabili, fonti non rinnovabili

è un altro nodo centrale.

O l' obsolescenza programmata di certi prodotti

per inchinarsi alle leggi di mercato

e spacciare la necessità di istantanee novità

come bisogno naturale

e non si fa in tempo ad invecchiare

è indispensabile che alcuni muoiano prima.

Comunque c' è sempre una minoranza che ci guadagna

a discapito della collettività che sempre più tentano di disgregare

perchè più facile da controllare, addormentare, spremere.

Poi dici è bella la vita.

Si la vita è bella, lo sarebbe per sua natura

ma c'è chi la rovina agli altri oltre a chi se la rovina da solo

(in concorso per induzione).

Vendi le armi e scateni le guerre per poterle vendere

intanto c' hai i bunker

ti vendi pure quelli

e magari a quelli che ti possono intralciare

li vendi pure difettosi.

Nella crisi fai la grana

che ti fanno le leggi speciali

che di speciale c' hanno

che evitano il normale iter democratico delle altre

per l' approvazione.

Si ma sti cazzi tanto se magnano tutto comunque

e allora ti fai li cazzi tua manco i tuoi, alla Crozza-Razzi

e diventi come loro

ma più povero e con meno poteri 

e in pratica non conti un cazzo

e fai il loro gioco.

Andare alla radice sarebbe capire chi ti fa del male

se li senti parlare tutti ti aiutano

e combatterlo tanto da riuscire ad impedirglielo

per sempre, per quanto ti dura la vita

o accettare quello che viene 

e ritagliarti uno spazio qualsiasi

 pur di esserci felice, una forma di egoismo

che ritengo ancora un modo onorevole di essere sconfitti

nonostante la consapevolezza

che uniti non avremmo limiti.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vele d’altura (Pubblicato il 14/09/2019 01:51:47 - visite: 33) »

:: Un passaggio di stato (Pubblicato il 14/09/2019 01:34:25 - visite: 27) »

:: La fine di ogni principio (Pubblicato il 14/09/2019 01:20:54 - visite: 24) »

:: Chirù (Pubblicato il 13/09/2019 01:20:05 - visite: 34) »

:: Vita di coppia (Pubblicato il 04/09/2019 16:08:39 - visite: 56) »

:: Silenzi (Pubblicato il 27/08/2019 15:51:05 - visite: 39) »

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 52) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 47) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 75) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 60) »