Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 806 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 7 01:16:37 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Adesso non mi sembra vero

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/05/2015 20:18:56

Ogni mattina li trovavo lì,

ai miei piedi, pronti per me.

Qui il cavallo a dondolo,

lì il gallo e la bambola

con una gamba rotta; quanto

ho patito per loro!

Facevo un cielo piccolo piccolo

come lo vedevano loro, perché

capivo: quanta solitudine

in quel cavallo di legno.

 

Anche se è una cosa e si può fare

ricavandola dal legno nella

grandezza che si vuole, e

colorarla, e poi anche giocarci

e allora si vede come traballa

difficilmente sulla strada vera.

 

Ma era forse una bugia quando

dicevo "Il mio cavallo"?

Non ci facevamo anche noi,

con la criniera, un po' cavalli,

forti e a quattro zampe (anche

se crescendo alla fine come uomini)?

Non si diventava anche noi

un po' di legno, per amore suo,

e con la faccia lunga?

 

A ripensarci mi sembra oggi

che ci scambiavamo sempre, io e lui.

Così con il torrente, allora

anch'io facevo il rumore dell'acqua,

se lui lo faceva, fino a entrarci

dentro io stesso. Così dove

qualcosa suonava io subito

risuonavo e volevo addirittura

esserne io la causa.

 

In questo modo travolgevo tutte

quelle cose, che pure erano in pace

senza di me e quasi mi vedevano

malvolentieri. E ora, improvvisamente,

sono lontano da tutto. Cominceranno

adesso nuove domande e un nuovo

apprendistato? Dovrò dire

come stanno davvero le cose tra voi?

No. Questo mi fa paura. La casa?

Non mi è mai stata del tutto chiara,

e le stanze? Quante cose contenevano.

Senti... mamma, ma chi era

veramente il cane? E nel bosco,

quando noi andavamo a cogliere

le more, adesso non mi sembra vero.

 

Ma ci saranno dei bambini morti

che ora giocheranno con me.

Sempre è stato così, che

qualche bambino morisse.

Rimangono a letto nella loro camera,

come me, e non guariscono più.

 

Guarire: che strano suono ha

questa parola adesso. Ha senso?

Qui, credo, nessuno si ammala mai.

Da quel mio mal di gola,

quanto tempo è passato da allora -

 

Qui siamo fresche bevande.

 

Ma ancora nessuno ci beve.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Melandri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Addensamenti locali di nebbia (Pubblicato il 17/10/2019 13:12:47 - visite: 39) »

:: Quello che c’era prima (Pubblicato il 16/10/2019 22:07:57 - visite: 36) »

:: Manchevolezze (Pubblicato il 16/10/2019 21:31:51 - visite: 27) »

:: Sintomi di astinenza (Pubblicato il 02/10/2019 23:59:08 - visite: 55) »

:: Erba settembrina (Pubblicato il 29/07/2019 11:57:21 - visite: 78) »

:: Il semplice che è difficile da inventare (Pubblicato il 28/07/2019 20:30:50 - visite: 60) »

:: L’iceberg (Pubblicato il 24/07/2019 11:13:33 - visite: 94) »

:: Postludio (Pubblicato il 23/07/2019 19:43:21 - visite: 76) »

:: L’albero e il cielo (Pubblicato il 23/07/2019 10:22:04 - visite: 77) »

:: Comunità di ricerca (Pubblicato il 20/07/2019 21:34:47 - visite: 80) »