Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
27 gennaio 2020: #GiornoMemoria | Viaggio senza ritorno
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 549 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jan 15 09:14:38 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Davanti al primo fuoco della collina

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/06/2015 05:22:42

Perchè santiddio mi domando hai dovuto scegliere la strada in salita?

Ma poi non s'era detto di tirare diritti

e quella sposta a destra a vederla da qui che non si tratta di centimetri

ma di cieli stellati, tre erae glaciali in cui avrei scelto un' albicocca

una pesca o al limite una nespola come frutto da sposare

o una moglie soldato 

biforca saltimbanca ma si capisce che è secondaria

ma tu no, con la tua idea di montagna quale vetta da raggiungere.

-te vojo bene assaje ma tanto tanto bene assaje-

Non mi ricorderai da qualche anno

quando ci ritroveremo sullo stesso tram

e io ti parlerò di quella volta che mi lasciasti indietro da solo nel bosco

e trovai me stesso in un ramo disarticolato

che mi fu bastone da passeggio

ben oltre il calare della sera

fino al primo fuoco che incontrammo fatuo

ardente sulla collina.

Divenne regola

parlare al fuoco come fosse mio compagno di sventure:

-Sarebbe una di quelle che non perde un ballo 

se non le vibrassero le vertebre ogni volta che i colpi sono bassi.

Sarebbe una di quelle che si voltano tutti

se non volesse l' attenzione solo di alcuni

così si trasforma in base al calendario

un cappotto lungo, una canottiera a righe

manica lunga da una parte spalla scoperta dall' alltra

come a dire ho gusti bipolari

ma solo a una certa età

da cercare nel dizionario alle voci sempre o mai.

Insomma fa come le pare

che poi sarebbe il livello base di libertà.

Se avessi avuto un po' di soldi l' avrei vestita da capo a piedi

per soddisfare le mie voglie di antichi segreti

e bellezza pagana

e le avrei fatto milioni di foto

e scritto centinaia di poesie

ma scoparla mai, solo fare l' amore, com' è naturale ma senza figli.

ho perso la fermata.

Io rido di me, ho questo potere

e sono avvantaggiato perchè sono brutto

se sei bello è più difficile ridere di te 

perchè la bellezza ha il potere di convincerti

c'è poi chi è come lei che bada ai risultati

a quello che è in grado di far fare

agli uomini e alle donne

in suo suffragio universale-.

Lei:

-quanto mi fa incazzare quando parli di me come se io non ci fossi

come se non fossi presente-

-è che ti ho idealizzata a tal punto che a volte dimentico

che sei già esistente, scusami-.

Quando il fuoco ci ascoltava e tu sola sai che non è mai accaduto.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mentre il fiume (Pubblicato il 22/01/2020 01:40:30 - visite: 23) »

:: Cosa vuoi che ti dica? (Pubblicato il 20/01/2020 00:45:57 - visite: 35) »

:: Talamo (Pubblicato il 18/01/2020 02:26:19 - visite: 34) »

:: Nottetempo (Pubblicato il 17/01/2020 00:48:10 - visite: 45) »

:: Fuori schema (Pubblicato il 09/01/2020 03:07:41 - visite: 55) »

:: Cara la pelle (Pubblicato il 04/01/2020 03:10:47 - visite: 57) »

:: Dalla materia sbagliata (Pubblicato il 03/01/2020 02:16:06 - visite: 47) »

:: L’oblio ne ha facoltà (Pubblicato il 02/01/2020 03:01:05 - visite: 51) »

:: Oltre la soglia (Pubblicato il 23/12/2019 02:12:30 - visite: 61) »

:: Ho fattezze (Pubblicato il 19/12/2019 01:51:10 - visite: 88) »