Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 184 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 22 08:14:34 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Love story

di Stefanie Golisch 

Proposta di Alberto Rizzi »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/07/2017 21:07:37

Lunedì sera.

Cinque persone in un vagone della metropolitana.

Uno comincia a parlare,

gli altri giocano con il cellulare.

Siediti accanto a me.

Mi chiede il mio nome,

gli dico un nome e aggiungo: stanca.

Anche lui dice un nome.

Sei fermate ancora.

È andato a teatro, ma si è annoiato a morte.

Mi chiede se faccio la contabile e

si scusa subito.

Dice che nessuno è contento della propria vita.

Io si invece.

Lui: non ci credo.

Chiudo gli occhi, la vie, la vie, quelle connerie la guerre…

Riapro gli occhi.

Chiede se qualche volta possiamo bere un caffè insieme.

Dico che non ho mai tempo perché devo volare.

Dice che mi farà un paio di ali.

Rispondo, grazie.

Mi alzo.

Capolinea.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Alberto Rizzi, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Notturno londinese , di Luigina Bigon (Pubblicato il 28/06/2017 20:15:17 - visite: 148) »

:: Nel Caffè , di Bruno Bartoletti (Pubblicato il 28/06/2017 20:12:56 - visite: 116) »

:: Sei lezioni di recitazione , di Flavio Almerighi (Pubblicato il 17/06/2017 17:16:32 - visite: 174) »