Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Avviso importante riguardo ai commenti
Proust N.7 - Il profumo del tempo (scarica/leggi)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 72 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 21 23:15:57 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Siamo nudi

di  

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/07/2017 22:36:47

SIAMO NUDI ( le fragranze: incenso e sandalo)

 

Siamo nudi dalla nascita, 

scarni 

come spoglie appese sulla croce

inclinata dal peso degli umani peccati. 

 

Al tempo scaduto accendiamo un cero

illudendoci di non avere le ore contate, 

facciamo pace con gli spiriti malvagi

pagando al buio ogni riscatto. 

 

Randagi come cuccioli senza più culla

percorriamo i vicoli della sofferenza, 

ci saziamo con istanti di facile sesso 

spalmando sui corpi la fragranza del sandalo. 

 

Siamo nudi al tempo di un addio

mentre si polverizzano le secche membra

e non ci fa risorgere l'odore dell'incenso 

percepito tra le fessure delle fredde lapidi.

 

Portiamo sotto l'unghie le fragili memorie

strappate alla Terra nel trapasso finale,

ridotte alla cenere 

come i tronchi delle vecchie querce.

 

 

Izabella Teresa Kostka 

tratto dall'antologia proustiana Proust 7° "Il profumo del tempo ", La Recherche 2017

Diritti riservati 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »