Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 264 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jun 21 00:45:36 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ilios

di Mariangela De Martinis
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/10/2015 18:57:01

Ilios
 
Nella mia mente
Come un acquerello stinto
Passeggiando fra le mura di Ilio
Di queste pietre in rovina 
Rivedo gli antichi abitanti
Rivedo gli antichi capi
Riuniti nelle assemblee
E la loro ira funesta 
Immagino eroi in armi
E una lunga chioma d'oro
Rivedo le donne recarsi al pozzo
In quella terra arsa dal sole
Immagino i vecchi seduti nella piazza
Come fanno ancora adesso
Vedo forgiare armi belle di bronzo
C'è ancora un focolare
Con un vaso intatto
Resti di un pasto mai consumato
Poco lontano dal focolare
Uno stormo di uccelli posatosi su un rovo
Spicca il volo all'improvviso
E si disperde
Proprio come questo antico popolo
Che vive ancora dentro ognuno di noi
Come tanti altri popoli
E forse quest'antica tomba
Piena di simboli ormai dimenticati
È il ventre oscuro
Da dove germoglia il nostro sangue.
 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Mariangela De Martinis, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Oikos (Pubblicato il 10/10/2015 18:55:42 - visite: 207) »

:: Odisseo (Pubblicato il 10/10/2015 18:53:40 - visite: 212) »