Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 366 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 11 21:43:23 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pensare alle persone con proprietà di oggetti.

di Vania Venneri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/02/2017 01:56:57

Chissà se esiste un modo di speziare le persone sciape,

se altre - come cassette a nastro - si possano riavvolgere.

Se si potessero chiamare a distanza come telefoni,

Se si potessero aprire con la chiave le persone chiuse,

e se si potessero accendere - come luci -, quelle spente?

Chissà se esiste un modo di scriverle o leggerle, come un libro;

o di rifarle come un letto,

di metterle in ordine come una stanza,

di aprirle per far cambiare l'aria, come finestre.

 

Se solo si potesse berle come l'acqua quando si ha sete,

buttarsi nella loro acqua come fossero mare,

raccoglierle da terra come una moneta caduta,

colorarle come un disegno,

passarle con un 10, come un compito in classe su cui sei preparato;

saperle a memoria come le poesie.

 

Si potessero visitare come le città,

studiare a scuola come un testo di storia,

visitarle come un museo,

si potessero prendere come treni ed aerei per andare lontano.

 

Arrampicarcisi come sulle montagne

o caderci dentro come nei pozzi,

o indossarle come vestiti,

o coprircisi come coperte,

o recitare come preghiere.

 

Se si potessero fare tutte queste cose, probabilmente,

cominceremmo ad immaginarci gli oggetti.

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vania Venneri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.