Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 478 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 19 04:13:23 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Drammi postumi, primo novembre

di Elisa Falciori
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 03/11/2015 11:19:30

Sulla pallida seta di un fungo

riposa l’ultima vanessa di novembre.

In una strana intesa vibrano fragilità

e rinascita.

 

Nel sentiero d’autunno

orme profonde 

litigano con tenaci fili d’erba.

Come fantasmi vegetali

in superficie risalgono anime dimenticate.

Con quanta parzialità agisco!

 

Con alcuni

uso infinita crudeltà

e li uccido più volte cercando di scordarli

e sono loro i più amati

i miei specchi ingialliti dal tempo.

 

La  malinconia 

suggerisce drammi postumi di amori vissuti.

Di altri,

resuscitano solo leggere e tiepide forme...

 

2/11/15


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Elisa Falciori, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Tentazioni (Pubblicato il 11/10/2017 12:26:22 - visite: 88) »

:: Ossidazione (Pubblicato il 08/10/2017 15:12:43 - visite: 87) »

:: Intrico (Pubblicato il 16/06/2017 12:09:56 - visite: 152) »

:: Natura morta (Pubblicato il 07/06/2017 14:54:41 - visite: 109) »

:: Che forma? (Pubblicato il 01/06/2017 19:23:05 - visite: 141) »

:: Falsi di vetro (Pubblicato il 29/05/2017 12:20:50 - visite: 147) »

:: Anni (Pubblicato il 26/05/2017 14:01:51 - visite: 142) »

:: Acque superiori (Pubblicato il 25/05/2017 09:19:28 - visite: 124) »

:: Sei la porta (Pubblicato il 21/05/2017 11:38:31 - visite: 121) »

:: Varchi (Pubblicato il 20/05/2017 12:56:59 - visite: 193) »

:: Amara visibilità (Pubblicato il 04/12/2016 10:04:44 - visite: 245) »

:: Riflessi d’alba (Pubblicato il 02/12/2016 13:20:32 - visite: 222) »

:: Quel piangersi addosso (Pubblicato il 25/11/2016 10:46:17 - visite: 322) »

:: Anomalie (Pubblicato il 24/11/2016 16:08:58 - visite: 220) »

:: Tanka n.1 (Pubblicato il 08/11/2016 13:34:33 - visite: 265) »