Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 672 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 13 05:07:56 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Rivivo terrore e gioia #controviolenzadonne

di Gabriella Gianfelici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/11/2015 17:20:53

 

Verdastra è stamane

la luce che sento.

Ogni goccia di me

intrisa d’erbe e di fiume

di pietre lanciate

per gioco:

aspettano nuovi richiami.

L’onda cattura lo sguardo

rapisce pensieri

trasporta con sé

afflati di soli desideri

e nebbia da spazzare.

 

 

 

 

RIVIVO TERRORE e gioia...

Chiudere la bocca… serrare i denti per non respirare così mi diceva così facevo non fare rumore non parlare non muoverti silenzio assoluto volevo sparire volevo morire uccidermi la stanza diventava pregna di odori di umori e sensazioni schifose, cosa dovevo ingoiare per vivere e perché dovevo vivere? Peggio di uno sgorbio mi sentivo la mia impotenza a chi gridare a chi scrivere tutto quello che stavo vivendo? Mi davano da mangiare come a dei maiali, anche loro così ricompensavano la mia infelicità, il mio mutismo la mia follia la mia paura…niente amavo di me grassa sporca violentata così lo specchio non potevo guardarlo, leggevo nomi di paesi lontani nomi di montagne lontane e io mi perdevo come un manichino in mezzo a fantasie un ‘altra famiglia un viaggio una scomparsa una morte perché nessuno moriva di quelli che dovevano morire? Perché soprattutto non morivo io? La paura restava attaccata ad ogni angolo della mia giornata a scuola pensavo al dopo, il dopo mi riportava alla mia situazione: solo la puzza sentivo dentro di me, con le mie narici e con tutto il mio corpo… Milarepa mi apparve una notte: alto, magro, una barba candida, uno sguardo luminoso...”non prendere quel sentiero, mi disse tranquillo e vibrante allo stesso tempo,quello è troppo tortuoso e lungo... l’altro, quello che è fianco al mio è più naturale a te, a come potrai vivere e forse rivivere... Bimba, molto bimba, ancora non conoscevo la scuola e neanche sapevo ancora leggere, da lì a poco mio nonno mi avrebbe insegnato la lettura e la scrittura, e Milarepa venne fuori ma nessuno poteva comprendere: era stato un mio sogno, una pre-veggenza?, non lo so , mi ha accompagnata per tanti anni e altre volte l’ho risognato.

Sentieri che non si sono mai incrociati, ambedue con destini poco luminosi come inizio alla vita, e poi, lentamente ma decisamente modificati in modo positivo...così ancora, a volte, Milarepa mi torna e leggendo il suo diario mi vedo passeggiare con lui nei prati erbosi e ricchi del Tibet estivo... Conosco troppo poco del mondo e non so se vorrò incarnarmi in Milarepa o se già io ne sia stata incarnata, se ognuno di noi ha l’involucro per nascere e poi, come cipolle, ci dobbiamo sfogliare per rinascere, allora sì, sono stata un pezzo della sua vita.

Riuscissi a sfruttare tutte le potenzialità del mio cuore e del mio corpo senza averne paura potrei toccare altri confini, quelli dove arrivo soltanto scrivendo e immergendomi in  altre sintonie, in altri profumi, in sentieri sconosciuti ai più, tuffarmi dentro un mare che non è soltanto azzurro mare, ma qualcosa di me che si scioglie e riemerge, e che si rituffa per poi

morire... rinascere... cambiare... per amare, soltanto per amare.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Gabriella Gianfelici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sulla poesia #poesiapoeti (Pubblicato il 21/03/2014 00:13:26 - visite: 751) »

:: Solo per un giorno (Pubblicato il 27/05/2009 11:00:42 - visite: 1991) »

:: A mia madre e a Giacomo Leopardi (Pubblicato il 19/03/2009 08:06:25 - visite: 4163) »