Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 727 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 16 21:25:00 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Devo dire a mio figlio #SaveAshrafFayadh

di Simonetta Sambiase
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2016 23:54:14

#SaveAshrafFayadh

 

Devo dire a mio figlio

che c’è la confusione

e ci sono i dolori

c’è un carnefice ogni cento vittime

e la macchina del mondo che si muove attorno

nessuno vuole farla smettere

la spia è sempre accesa e silenziosa

poco ci importa che siano gli altri a mandare dei lamenti

poco importa che le ruote che girano calpestino davvero

nessuno vuole guardare e affrettiamo i passi.

 

Che c’è il potere

e ci sono gli idoli

c’è una cima sempre da assaltare

e  mille facce da indossare per restare alti

e nessuno vuole sentirsi smesso

mettendosi nei panni dell’altro ci si impoverisce

la polvere  la si getta nel cortile del vicino

la croce sulle spalle dei poveri cristi che tradiamo

ogni silenzio può aprire una tomba.

 

Dovrò dire pure qualcosa a chi tra noi

ha detto che ci vorrà coraggio a chiedere vergogna

e chiamare amico un uomo maledetto

e chiamare amore una patria tiranna

che ci vuole umanità nella confusione e nella polvere

darci pace e vivere

 

e chiedere libertà per chi hanno costretto ad un solo pezzo di cielo

e trova ancora poesia per scriverci sopra

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Simonetta Sambiase, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il ritrovo dei luoghi è grande (Pubblicato il 26/01/2014 21:08:41 - visite: 934) »

:: per Else (Pubblicato il 19/12/2013 14:39:03 - visite: 859) »

:: INVERNO - ultimo atto (Pubblicato il 15/01/2013 23:12:33 - visite: 1170) »

:: D’incontri e altre cadute (Pubblicato il 17/12/2012 15:58:29 - visite: 1087) »

:: Fuori fuoco (Pubblicato il 07/09/2012 21:55:55 - visite: 1040) »

:: LUNARIA - le ultime fasi (Pubblicato il 14/08/2012 19:26:58 - visite: 943) »

:: Lunaria (Pubblicato il 22/07/2012 23:06:12 - visite: 1127) »

:: Scosse in un chilo di ciliegie (Pubblicato il 31/05/2012 09:35:51 - visite: 1231) »

:: acronimi Rimpianti (Pubblicato il 25/04/2012 00:18:43 - visite: 914) »

:: acca (Pubblicato il 23/04/2012 17:26:52 - visite: 907) »